Nessun articolo nel carrello

“Pronto? sono il papa”. Il racconto del teologo spagnolo José María Castillo

“Pronto? sono il papa”. Il racconto del teologo spagnolo José María Castillo

 

MADRID-ADISTA. Alla prima telefonata, non ha neanche risposto il teologo José María Castillo, dal display non era chiara la provenienza. Alla seconda ha alzato la cornetta per poi rimanere fra il basito, il turbato e l’incredulo, perché qualcuno dall’altra parte insisteva a dire «Pronto? Sono il papa». «Mi sono innervosito», confessa il teologo raccontando della telefonata su Religión digital (10 gennaio), «non sapevo se era uno scherzo insensato o magari una comunicazione pubblicitaria». E invece no, «era chiaramente la voce di papa Francesco». Nei dieci minuti di conversazione successivi, ecco emergere i motivi della chiamata.

Il primo: «Voglio ringraziarla per quello che sta facendo per me». «Cosa che mi ha sorpreso», aggiunge il teologo, «dato che è ben poco quello in cui posso aiutarlo». Ha pensato che lo ringraziasse perché, tramite un amico comune, gli aveva fatto giungere l’ultimo suo libro, La religión di Jesús. Comentario al Evangelio diario 2017. Però no, ha constatato: «la verità è che il papa non lo ha proprio menzionato questo libro, né altre questioni». L’altra cosa che ha ripetuto più volte, racconta ancora Castillo, è «Preghi per me. Ne ho molto bisogno». «Mi ha stupito tanta insistenza». «Senza dubbio», commenta il teologo spagnolo, «il papa chiede orazioni perché la forza del Signore lo aiuti ad andare avanti». «È consapevole», aggiunge, «che non sono sufficienti le qualità della sua condizione umana per trovare la migliore soluzione alla quantità di problemi che riguardano il papato in questi momenti. Se qualcosa distingue papa Francesco è non solo la sua vicinanza ai più diseredati di questo mondo, ma soprattutto la sua identificazione con i gravosi problemi che assillano tanti diseredati».

* foto tratta da Flickr

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Forse già molti di voi se ne sono accorti: da alcune settimane Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.