Nessun articolo nel carrello

Se Macron ripensa la laïcité

Se Macron ripensa la laïcité

La notizia viene da Agensir.it ed è a firma di Jean-Dominique Durand. A quanto pare il presidente francese Emmanuel Macron avrebbe dato il via a una revisione più profonda del sistema della laïcité.                                                                                                                                                                         

Il 21 dicembre scorso Macron ha ricevuto i capi delle religioni presenti in Francia, non per un incontro ufficiale, ma per una discussione libera su diversi argomenti: il laicismo, la scuola, l’accoglienza dei migranti, le leggi sulla bioetica, l’islamismo. L’incontro è durato più di due ore. Il vice presidente della Conferenza episcopale francese, mons. Pascal Delannoy, ha parlato di «un clilma di dialogo, di vero dialogo, in piena franchezza». A differenza del passato, la  discussione, sarebbe stata profonda attorno al diritto delle religioni di esprimersi su tutti gli argomenti che interessano i cittadini, mettendo in luce la responsabilità sociale dei leader religiosi e dei credenti. Macron ha parlato di una «laicità di libertà» inaugurando una fitta stagione di incontri con le diverse confessioni religione.                                                                                                                                                                    

In realtà, non si tratta di un evento eccezionale, ma di una tappa di un percorso di ripensamento iniziato da anni e reso sempre più impellente dalle nuove crepe del sistema assimilazionista. Naturalmente, c’è chi ha messo in connessione questo processo al bisogno di reagire al terrorismo di matrice islamica. Dall’altra parte, chi, come l’esperto di mondo arabo, Oliver Roy, afferma da tempo che i problemi di fondo della gioventù francese sono in prima istanza di natura sociale. Ripensare il sistema della laicità è opportuno, ma potrebbe risultare inutile all’interno delle politiche liberiste del giovane presidente.

 

* foto di Pietro Piupparco, tratta da Frickr

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Forse già molti di voi se ne sono accorti: da alcune settimane Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.