Nessun articolo nel carrello

Attentato razzista alla Comunità sinta di Brescia: a fuoco il campo di via Orzinuovi

Attentato razzista alla Comunità sinta di Brescia: a fuoco il campo di via Orzinuovi

BRESCIA-ADISTA. «Questa notte la Comunità sinta di Brescia ha subito un gravissimo atto razzista che si iscrive nel clima di intolleranza e violenza che cresce nel Paese». È l’inizio del comunicato diffuso il 12 febbraio dalle associazioni rom e sinte italiane. «Alle prime ore dell'alba – raccontano – abbiamo subito un gravissimo atto intimidatorio. Alcune persone nel buio della notte hanno cercato di dare fuoco alle nostre auto e camion, parcheggiate a ridosso delle abitazioni in via Orzinuovi. Quattro auto sono andate a fuoco, ma molti innesti incendiari non hanno per fortuna funzionato. Ringraziamo i Vigili del Fuoco che sono intervenuti immediatamente e hanno scongiurato il propagarsi delle fiamme».

Le associazioni non hanno dubbi sul mandante: «L'atto intimidatorio ha un chiaro mandante: il razzismo. Negli ultimi anni siamo stati vittime, a livello locale e nazionale, di attacchi verbali da parte di politici e giornalisti. Alcune trasmissioni televisive nazionali hanno veicolato pregiudizi, paura e xenofobia. In queste settimane sta montando con sempre maggiore violenza il linguaggio politico che incinta all'odio e questo porta inevitabilmente alla violenza. La violenza di cui siamo stati vittime è stata organizzata e pianificata da un gruppo di persone». «Non un lupo solitario», dunque, «ma il sodalizio criminale di più persone. Un salto di qualità nella strategia dell'odio che impone alle Istituzioni l'assunzione di severe misure non più derogabili. Mentre ringraziamo l’assessore del Comune di Brescia, Marco Fenaroli, per la solidarietà e le garanzie di tutela portate alla comunità colpita, chiediamo al Signor Prefetto di Brescia l'immediata convocazione del Comitato per l'ordine e la sicurezza per la presa di misure a protezione delle nostre famiglie e per arrestare i colpevoli».

Ma non basta: «Insieme a tutte le associazioni sinte e rom italiane – aggiungono – facciamo appello a tutte le forze democratiche di Brescia e del Paese affinché vi sia una risposta ferma contro il razzismo e la violenza».

Il comunicato è firmato da: Sinti italiani di Brescia, Associazione Sucar Drom, Istituto di cultura sinta, Comunità sinta mantovana, associazione Nevo Drom, Sinti nel mondo, Sinti italiani di Vicenza, Sinti italiani di Prato, Associazione UPRE ROMA, Associazione Them Romanò, Associazione Roma onlus, Accademia d’arte romanì, Associazione FuturArteRom, Associazione Django Reinhardt, Associazione Romano Glaso, Cooperativa Romano Drom, Museo del viaggio Fabrizio de Andrè, Associazione Stay Human, Associazione Liberi, Associazione Amici di Zeffirino, Associazione New Romalen, Federazione Rom e Sinti insieme, Federazione FederArte Rom

*Foto tratta da Il Gazzettino Vesuviano immagine originaria e licenza

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

50 anni e oltre

Grazie!

Di cuore. La campagna straordinaria per la sopravvivenza di Adista ha ottenuto buoni risultati. Solo tramite internet abbiamo raccolto 3.500 euro, cui vanno aggiunti i tanti che hanno sottoscritto nuovi abbonamenti o rinnovato i propri aggiungendo una quota di soliderietà. È possibile ancora per qualche settimana dare un ulteriore piccolo contributo