Nessun articolo nel carrello

Patto globale sulle migrazioni: il contributo vaticano e l'impegno di papa Francesco

Patto globale sulle migrazioni: il contributo vaticano e l'impegno di papa Francesco

L'impegno attivo della Santa Sede nell'adozione di un Patto mondiale per una migrazione sicura, ordinata e regolare, che l'Onu – dopo lunghe trattative avviate nel 2016 e culminate con l'abbandono del tavolo dei negoziati da parte degli Stati Uniti di Donald Trump lo scorso settembre – dovrebbe adottare nell'autunno prossimo, è stato confermato ancora una volta il 9 aprile dall'osservatore permanente vaticano presso le Nazioni Unite a New York, mons. Bernardito Auza. «Con la sua vasta esperienza d'umanità», la Chiesa cattolica può aiutare gli Stati membri a «comprendere realmente come i migranti possono essere aiutati». Mons. Auza ha poi ricordato che la proposta vaticana si concretizza nel documento sui “20 punti d'azione per il Global compact” redatto dalla Sezione Migranti e Rifugiati del Dicastero per la Promozione dello Sviluppo Umano Integrale su impulso di papa Francesco, che contiene le parole d'ordine che lo stesso pontefice ha ripreso nel suo discorso per la Giornata Mondiale del Rifugiato del 14 gennaio 2018: «Accogliere, proteggere, promuovere e integrare». Il documento, stilato dopo aver ascoltato il parere delle Conferenze episcopali e delle Ong, prende spunto dalle numerose buone pratiche messe in campo dalla Chiesa cattolica nell'accoglienza, nell'assistenza e nell'integrazione dei migranti.

Francesco è molto apprezzato in sede Onu, tanto che la conferenza intergovernativa preparatoria all'adozione del Patto globale, in Messico all'inizio di dicembre scorso, si è aperta proprio con la proiezione di un suo videomessaggio. Il documento in 20 punti è all'attenzione delle Nazioni Unite e, sebbene la Santa Sede sia solo un osservatore, il credito di cui gode Francesco lascia ben sperare che venga preso in seria considerazione, ha confermato mons. Auza. La speranza del mondo cattolico è che i 20 punti del documento possano essere inseriti tutti nel documento finale, ma il rappresentante vaticano all'Onu resta consapevole delle difficoltà interne all'assemblea, della dilagante xenofobia e delle resistenze che molti Stati hanno manifestato sulla possibilità di rinunciare a spazi di sovranità nella gestione dei flussi. E confida nella possibilità di «negoziare il documento punto per punto».

* Immagine di Montserrat Labiaga Ferrer, tratta dal sito Flickr, licenza e immagine originale. La foto è stata ritagliata. Le utilizzazioni in difformità dalla licenza potranno essere perseguite

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Forse già molti di voi se ne sono accorti: da alcune settimane Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.