Nessun articolo nel carrello

Un commento del mensile Confronti alle presidenziali russe

Un commento del mensile Confronti alle presidenziali russe

Sul mensile Confronti Luigi Sandri, giò corrispondente dell'Ansa da Mosca e Tel Aviv, saggista e storico redattore della testata, commenta "la quarta volta dello 'zar'”, ossia la rielezione di Vladimir Putin alle presidenziali russe.

"Le condizioni del voto – il presidente-candidato presidente aveva in mano, di fatto, la tv; qua e là sono stati accertati brogli o procedure improprie – fotografano una situazione lontana dagli standard occidentali per le competizioni elettorali; non annullano però, nella sostanza, il risultato finale", scrive Sandri. In ogni caso, "Il risultato complessivo delle elezioni premia dunque Putin, in tutte le circoscrizioni. Lo premia, in particolare, in Crimea, la penisola ucraina che l’uomo forte del Cremlino esattamente quattro anni prima, il 18 marzo 2014, aveva deciso di annettere alla Russia (alla quale un tempo pur apparteneva): infatti là ha ottenuto il 92,15%. Un messaggio all’Occidente che, ritenendo illegale tutto l’iter dell’annessione russa della Crimea, aveva decretato aspre sanzioni contro la Russia, che tuttora perdurano".

 

Ma perché Putin ha vinto, "malgrado i tanti problemi che pur incombono sul suo paese, e che rendono difficile la vita di una parte considerevole della popolazione (un sesto della quale vive sotto la soglia di povertà)?" Soprattutto perché, spiega Sandri, Putin "conferma nella testa della gente che la ex capofila dell’Urss è tuttora una grande potenza, contro la quale o senza la quale è illusorio risolvere i cruciali nodi internazionali, dalla Siria all’auspicata riduzione degli armamenti nucleari. E chi a Londra pensava, forse, di indebolire le possibilità del “candidato” Putin accusandolo di essere il mandante del tentativo di avvelenare, con gas nervino, in Inghilterra, l’ex spia russa Sergei Skripal e sua figlia Yulia, ha fatto male i conti: quell’accusa, definita “una sciocchezza” dal presidente, e un’ignobile calunnia da gran parte dei russi, semmai ha portato a lui ulteriori voti".

 

Immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Forse già molti di voi se ne sono accorti: da alcune settimane Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.