Nessun articolo nel carrello

“Mala tempora currunt”. I consigli di un sacerdote toscano al ministro Fontana

“Mala tempora currunt”. I consigli di un sacerdote toscano al ministro Fontana

Tratto da: Adista Notizie n° 22 del 16/06/2018

39401 ROMA-ADISTA. «Essere cattolico significa seguire fedelmente i princìpi evangelici all'interno dell'insegnamento della Chiesa cattolica», sottolinea ad Adista, commentando le prime uscite del ministro della Famiglia e delle Disabilità Lorenzo Fontana (v. notizia precedente) don Andrea Bigalli, parroco a Sant'Andrea in Percussina (FI), referente di Libera per la Toscana, da circa 10 anni impegnato nei percorsi di pastorale per omosessuali credenti insieme al gruppo Kairos di Firenze. «Il Vangelo, e anche la dottrina sociale della Chiesa», chiarisce il parroco, «prevedono il rispetto delle persone, anche di fronte a percorsi di vita non condivisi, e un atteggiamento di dialogo».

«Lo Stato, poi», prosegue il parroco fiorentino, «non può far finta che certe realtà non esistano, perché poi queste si presentano alla porta e chiedono riconoscimento. È così anche nella Chiesa: i figli delle famiglie arcobaleno chiedono sacramenti come tutti gli altri e la Chiesa non può ignorare la richiesta o rifiutare, per esempio, un battesimo. È grave, infine, che queste posizioni estreme siano promosse da un ministro della Repubblica, un “uomo dello Stato”».

Questi tempi sono segnati da alcuni gravi problemi, aggiunge il sacerdote, che emergono con forza dall'atteggiamento omofobo e razzista di molti, anche nel governo: il primo è che «noi cattolici stiamo perdendo rilevanza culturale», ammette con amarezza. Il paradosso è che, se la fede resta forte come fenomeno identitario, si va via via perdendo il senso e la prassi evangelica. «Quando non riusciamo ad accogliere le persone, siano esse straniere o omosessuali – chiarisce don Andrea – perdiamo il senso stesso dell'essere Chiesa». L'atteggiamento omofobo e retrogrado di molti movimenti che si dicono cattolici, e che ancora ritengono l'omosessualità come una scelta libera o come una patologia, «dimostra che si parla senza sapere di cosa si sta parlando, e le persone vengono ignorate a favore di idee o pregiudizi».

Il secondo grave problema è che oggi sembra «esaurito quel patrimonio culturale di attenzione al bene comune... e il bene comune è fatto concretamente proprio di persone. Se perdi il rispetto e l'attenzione per le persone in carne ed ossa, non stupisce che poi entri in queste dinamiche di intolleranza».

A Fontana don Bigalli suggerisce di pensare al suo ministero come a quello «delle famiglie e non della famiglia» e lo invita a «recarsi di persona ad incontrare le famiglie arcobaleno con le loro vite e con i loro bisogni. Scoprirà allora che non sono poi così diverse dalle famiglie tradizionali che per lui sono le uniche che esistono». D'altra parte, il concetto di “famiglia naturale” non ha molto senso e, «come ci insegnano le famiglie con figli adottati, l'aspetto biologico non impedisce ad una famiglia di essere tale».

Il rischio per il nuovo governo, ammonisce Bigalli, «è mettersi contro la storia con atteggiamenti di rifiuto xenofobo e omofobo. Ma la storia gli si rivolterà contro, e questo è certo. Il fatto grave è che, nel frattempo, questi atteggiamenti alimentano e radicalizzano un clima culturale sempre più incattivito contro i migranti, rom, omosessuali e altre minoranze».

L'ingresso della parrocchia di Sant'Andrea a Sant'Andrea Percussina (Fi), nella foto tratta dal sito della parrocchia

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Forse già molti di voi se ne sono accorti: da alcune settimane Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.