Nessun articolo nel carrello

Una strada praticabile

Tratto da: Adista Documenti n° 42 del 29/11/2014

All'incontro dei movimenti popolari in Vaticano “Terra, Labor, Domus”, c'eri anche tu, in rappresentanza della RiMaflow. Che valutazione puoi offrire di questa singolare esperienza?

È stata una esperienza interessante e molto istruttiva. Nel corso degli anni, soprattutto in relazione alle iniziative di solidarietà con le lotte di liberazione in America Latina, avevo avuto occasione di incontrare militanti legati alla Teologia della Liberazione, alcuni dei quali persino impegnati in organizzazioni guerrigliere marxiste, per cui l'impegno rivoluzionario di molti cristiani e cristiane mi è apparso naturale e, se vuoi, molto conseguente. Che le porte del Vaticano si aprissero per ospitare un incontro internazionale dei movimenti popolari la ritengo però una novità, assai apprezzabile.

Indipendentemente dalle ragioni che hanno motivato papa Bergoglio e i suoi collaboratori, si tratta obiettivamente di un riconoscimento delle lotte per il lavoro, la terra e la casa e di uno spazio assai importante per tutte e tutti coloro che nell'ambito della Chiesa sono impegnati nei movimenti sociali. Forse non si tratta di una novità in assoluto: il Concilio Vaticano II, Medellín e Puebla erano già parte della storia recente; ma di certo è così che appare, dopo i pontificati di Wojtyla e di Ratzinger…

Come RiMaflow non ne possiamo che trarre un incoraggiamento. Non credo di mettere in difficoltà nessuno se dico che, incontrando un rappresentante della Caritas, questi ci ha detto: “Beh, dopo quel che vi ha detto il papa, che problema volete che ci sia per noi a collaborare con una fabbrica occupata?”.


Come nasce e si sviluppa la RiMaflow? Quali obiettivi persegue?

La Maflow operava nel settore automotive e funzionava bene finché il fondo finanziario che l'ha acquisita non ha accollato alla parte produttiva le perdite (più o meno volute) del settore finanziario. Dopodiché sono seguite l’amministrazione straordinaria, la gara d’asta, vinta da un polacco interessato solo a marchio e commesse Bmw, e la conseguente chiusura nel dicembre 2012, che ha lasciato a casa 330 lavoratori e lavoratrici. In mancanza di altri sbocchi lavorativi, e sulla base dell'esperienza di lotta contro la chiusura, che aveva visto anche un periodo di semi-occupazione dello stabilimento tra il 2009 e il 2010, un gruppo ha deciso di non rassegnarsi al licenziamento ed è passato all'occupazione, per tentare di rimettere in funzione la fabbrica senza padrone. Partendo dal presupposto che per noi si trattava di una sorta di “risarcimento sociale” per il licenziamento - roba nostra, per capirsi - da cui ripartire senza impegnare il nostro tfr o tutti gli ammortizzatori e magari indebitarsi per pagare un affitto per avviare un'attività. Che poi è quello che ci consigliavano la Lega delle Cooperative o i professori della Bocconi: diventate imprenditori e assumetevi il rischio d'impresa. Noi abbiamo risposto: il nostro capitale da investire è la nostra forza lavoro; certamente rischiamo, ma intanto ci prendiamo quel che è nostro.

E così è nata RiMaflow, la rinascita della Maflow. E il “ri” è diventato il nostro suffisso obbligatorio, ben impresso su un grande striscione “programmatico” affisso sui cancelli: ri-uso, ri-ciclo, ri-appropriazione, ri-volta il debito, ri-voluzione. Perché è in direzione di una produzione indirizzata in senso ecologista che ci stiamo muovendo, che nel nostro piccolo rappresenta sul serio una rivoluzione: recuperare dagli apparecchi elettrici ed elettronici, ma anche dal legno e da altre cose la materia prima da rimettere nel circuito produttivo. È un bisogno sociale a cui vogliamo rispondere e fa bene al pianeta. Ma siccome avevamo bisogno di risorse per poter risistemare 14mila mq di capannoni su un'area grande il doppio e comprare i macchinari, ci siamo inventati una “Cittadella dell'altra economia”, con un mercato dell'usato e un mercato agricolo, che comprende la logistica per i produttori biologici del Parco Sud Milano, laboratori artigianali, bar-ristorazione, un ostello, attività culturali… Ora, oltre ai primi 20 soci, c'è un altro centinaio di disoccupati che vive nella Cittadella. Contiamo nei prossimi sei mesi di passare da un rimborso a un vero salario pieno, contributi compresi. Lavoro, reddito, dignità e autogestione sono le altre nostre parole.


Esistono diverse altre esperienze di autogestione in Italia e nel mondo, a cominciare dalle fabricas recuperadas argentine. Esistono collegamenti tra le diverse esperienze? Quali potenzialità e prospettive può avere questo movimento?

Sono proprio le fabricas recuperadas argentine che ci hanno ispirato. È un tentativo di rispondere alla crisi, non certo “la” soluzione. Come in Argentina, noi ci siamo trovati di fronte al “che fare” dopo la chiusura della fabbrica e non abbiamo accettato che questa fosse la fine di tutto. E con l'autogestione abbiamo individuato il modello migliore per uscire dalla logica di sfruttamento che ci aveva portato ad essere considerati uno “scarto”, come una qualsiasi merce. Un concetto usato, assai significativamente, anche da papa Bergoglio. Noi sappiamo che in una società dominata dalle leggi del Mercato non è possibile far vivere esperienze “fuori mercato” se non all’interno di un quadro di conflitto sociale che conquisti nuove regole. Per questo abbiamo chiamato “autogestione conflittuale” la nostra esperienza, altrimenti c'è il rischio di adattarsi alle regole del padrone, il quale concepisce l'attività di una cooperativa come strumento di auto-sfruttamento in una concorrenza al ribasso nei confronti degli altri lavoratori. Vogliamo forse nasconderci che questa è la realtà della gran parte delle cooperative nate in questi ultimi anni, malgrado il richiamo al glorioso movimento delle società di mutuo soccorso di fine Ottocento?

Per questo RiMaflow e le altre esperienze analoghe non devono restare sole, ma devono collegarsi tra loro e lottare nel più generale mondo del lavoro per ottenere un riconoscimento giuridico, un'assegnazione del luogo in cui operano, che è l'unica modalità per consentire un'attività regolare di produzione. Pur apprezzandone l'esistenza e la positività, non possiamo essere un centro sociale: vogliamo essere una fabbrica recuperata che produce reddito e apre una via verso una nuova economia.

A gennaio abbiamo partecipato al primo incontro europeo delle fabbriche recuperate, dal titolo “L'economia dei lavoratori”, all’interno della Fralib di Marsiglia, una fabbrica occupata e recuperata, e a luglio del 2015 saremo in Venezuela per l'Incontro mondiale che si terrà anch’esso in una fabbrica recuperata. L'obiettivo è creare un movimento di imprese senza padroni, non solo fabbriche.

Cosa chiedete al riguardo alla politica italiana?

Mi verrebbe da rispondere “niente”, perché questa politica è contro i lavoratori e gli sfruttati. Tutta quanta, spiace dirlo, anche se i gradi di responsabilità sono diversi. La politica va ricostruita dal basso. Sarà forse per questo che poi i movimenti si riuniscono altrove… Le istituzioni, però, sono un interlocutore e noi da queste dobbiamo ottenere, ad esempio, una legge che dica: se un padrone vuole andarsene, magari dopo aver ricevuto sussidi pubblici, se ne vada pure, ma lasci qui fabbrica e macchinari se i lavoratori vogliono rimettere in funzione l'attività. Si tratta del risarcimento sociale per il licenziamento subìto.

Impossibile?Le fabbriche argentine dimostrano che è possibile. Governi locali o nazionali o sentenze dei tribunali hanno dovuto riconoscere le nuove situazioni, dettando norme tali da consentire la continuità della produzione nelle fabbriche occupate, permettendo per esempio ai lavoratori di entrare in possesso degli impianti e di riprendere e innovare la produzione. Ma solo perché c'è stata una lotta che ha imposto tutto ciò. Da allora, anche governi progressisti latinoamericani come quello venezuelano e quello boliviano hanno sostenuto tale movimento come un progetto economico. Nell'Europa liberista oggi sembra una meta irraggiungibile. Vedremo. Noi stiamo cercando di dimostrare che è una strada praticabile, se ci sarà il sostegno più largo di tutte e tutti coloro che combattono questo capitalismo in crisi e credono in un'alternativa. Abbiamo lanciato una campagna di sostegno che abbiamo chiamato “RiMaflow vuole vivere”, con il grande apporto del MST brasiliano e di João Pedro Stédile in particolare. Sul nostro sito www.rimaflow.it si possono trovare tutte le modalità per partecipare. Lottiamo insieme, riusciremo a cambiarlo questo mondo!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

50 anni e oltre

Campagna straordinaria di sottoscrizione per la sopravvivenza di Adista

Nel 2017 Adista compie 50 anni di vita. Ma per poter continuare a fare informazione indipendente da poteri ecclesiastici, finanziari e politici, per continuare a dare voce a chi non ha diritto di parola, nella Chiesa come nella società, abbiamo bisogno di voi.