Nessun articolo nel carrello

La terra, un dono per la vita.  Lettera pastorale dei vescovi del Mozambico

La terra, un dono per la vita. Lettera pastorale dei vescovi del Mozambico

Tratto da: Adista Documenti n° 20 del 27/05/2017

DOC-2855 BEIRA-ADISTA. È una forte e lucida denuncia sulla questione della terra, stretta nella morsa dell'agribusiness, del land grabbing, dell'accaparramento delle materie prime, la lettera pastorale diffusa il 30 aprile scorso dai vescovi del Mozambico, i quali, traendo ispirazione dalla Laudato si' di papa Francesco, abbondamentemente citata, esortano tutti i settori del Paese a impegnarsi in un grande progetto di «cura della casa comune», perseguendo «il meglio per il Paese e per coloro che lo abitano». Una denuncia da cui emerge, peraltro, tutta l'ipocrisia dei Paesi occidentali, i quali, da un lato, gridano all'invasione costruendo muri e barriere anti-migranti e, dall'altro, invadono concretamente, loro sì, i Paesi del Sud del mondo, appropriandosi delle loro terre, delle loro risorse, delle loro materie prime. Così, in Africa,  in soli 13 anni, dal 2000 al 2013, ben 56 milioni di ettari di terra sono stati venduti o ceduti a stranieri, a dimostrazione, denunciano i vescovi mozambicani, di come «le imprese e i governi dei Paesi industrializzati cerchino in Africa la soluzione alla crisi energetica e alimentare dei propri Paesi», a distanza siderale dal richiamo rivolto loro da papa Francesco nella Laudato si', quello a iniziare a saldare il “debito ecologico” contratto con i Paesi dell'emisfero sud.

E in questa corsa all'appropriazione delle ricchezze africane, il Mozambico è uno dei Paesi più ambiti, al punto da piazzarsi in terza posizione, nel 2013, rispetto all'Investimento Diretto Estero in Africa: «Negli ultimi anni – sottolinea la Lettera pastorale – il Mozambico ha venduto o ceduto per progetti di agribusiness 535.539 ettari a imprese straniere». E tutto ciò malgrado la Costituzione del 2004 riconosca la terra come «proprietà dello Stato», stabilendo che «non può essere venduta o alienata in qualunque altra forma, né ipotecata o pignorata». Da qui l'appello dei vescovi, in vista soprattutto della celebrazione, nel 2025, dei 50 anni dell'indipendenza del Paese, a realizzare «un'effettiva Riforma Agraria per correggere l'impatto negativo delle attuali politiche agrarie sulle comunità rurali e su tutto il Paese»: una riforma in grado di riconciliare «tutti i mozambicani come membri di uno stesso popolo e di una stessa Nazione, liberati dall'oppressione dei colonizzatori», e di garantire «la distribuzione equa delle ricchezze concesse da Dio al Mozambico a beneficio di tutti».

Di seguito, in una nostra traduzione dal portoghese, ampi stralci della lettera pastorale.

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

50 anni e oltre

Campagna straordinaria di sottoscrizione per la sopravvivenza di Adista

Nel 2017 Adista compie 50 anni di vita. Ma per poter continuare a fare informazione indipendente da poteri ecclesiastici, finanziari e politici, per continuare a dare voce a chi non ha diritto di parola, nella Chiesa come nella società, abbiamo bisogno di voi.