Nessun articolo nel carrello

ADISTA, 50 ANNI ALLA SINISTRA DEL PADRE

ADISTA, 50 ANNI ALLA SINISTRA DEL PADRE

50 anni sono davvero tanti per un giornale. Se poi questo giornale vive del solo sostegno dei propri abbonati, senza sponsor politici ed ecclesiastici, senza gruppi imprenditoriali e finanziari alle sue spalle, bè, se non fossimo profondamente laici ci sarebbe davvero da gridare al miracolo.

Ma siccome di anni Adista ha l’ambizione di compierne almeno altri 50 ripartiamo da qui, da questa pubblicazione che mette il punto sul tempo già trascorso, ricostruisce eventi e date, dà conto dei punti di vista e delle prospettive, racconta i dibattiti e le polemiche, i conflitti e le alleanze, sottolinea i momenti di svolta, fa memoria delle vittorie come delle sconfitte. Da qui ripartiamo tutti, consapevoli ed orgogliosi del cammino già fatto, per continuare a costruire una Chiesa ed una società più giuste e più evangeliche. Ed una opinione pubblica – laica e cattolica – più vigile e cosciente, perché più informata. 

All'interno del libro

Due introduzioni di Raffaele Nogaro e Luigi Bettazzi 

Un ampio saggio storico di Anna Carfora e Sargio Tanzarella

Saggi monografici di Alessandro Santagata

Cronologie ragionate a partire dal 1967

Ampia antologia degli articoli di Adista

Foto e immagini storiche delle copertine di Adista

 

Per acquistare il libro clicca qui

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

50 anni e oltre

Campagna straordinaria di sottoscrizione per la sopravvivenza di Adista

Nel 2017 Adista compie 50 anni di vita. Ma per poter continuare a fare informazione indipendente da poteri ecclesiastici, finanziari e politici, per continuare a dare voce a chi non ha diritto di parola, nella Chiesa come nella società, abbiamo bisogno di voi.