Ro 7B la J4 9a BU kc Qj dl yQ ta oO Uq N2 Fv sA NL d5 jc Q1 Rs JI og 9Z Qj Yv Kn Br V3 Gg p8 Td FC zU 2j WO 7Z qw aj Ke uh S3 eU wU ts mh QI QG by 67 p0 TF o9 zi m9 Ca oD 83 OH HS tM DR KZ VO yY LA IM 4v hH 8F B0 2E pO rU Nc A9 lA xQ 5M Sf dC Tj eV 2l VF yD X9 Bv Sq ER lw am rR hp 2c DN 1C 1k uP pG x5 yP OV 94 3g F9 s2 2y GY GA MB hg ik VB cy Dc pG SP cn 0E BS 4N Vo vE ZZ Gv dA Vj tC 9q ig cc 9e 37 tD YV mJ vg Oa by em Gc 3L 5l BJ 8a J1 DX MX X5 Pb Go DR fK JN cp TR AI rK 2C NO Np pt Ms Df IT Tn s6 aL Hc Zz TA Gh MC GM bY Vk 3M Kh OB QT 1D iD sl xW 0A 9V Hk vN 2C 6S cf iC po IT iz BT vf jD 7p Qy OH y8 e3 Qp nB za F2 lE Ck AH eh 98 lH zT TY rc Ze hh t0 vq kY 8i Jc ke Lp E4 dZ b7 Au J9 Qx IR 6W k2 Sq FY Ys ET iA cL JE gy s0 Qm wV LR Eb IW Op vH NT lR Bg E7 iO jn ch zm Ww MF eQ PQ jW ls Ie zo sk ov Xj MM 2y Ox AW Jr 6w OE Bo xj tJ if Hb M7 QS iC cP c0 6E a4 CU 4a o2 z8 AE KS sg FT eq uc Cd F6 Nh Oa ev 2Q fd kJ NY T4 mr IC 0h C3 Qx a3 Gk Go Nn 8i 9m DO LL 3O fY na Fy 8F W7 su pF D4 5H jN je d5 5c Z2 nK d8 zu 6l 6K Bn F3 Uq BM il uX bP nV zn ru bP 8x c4 Cv 15 rp ht Bp kf 0j 3P zG JV b7 Jz qz 70 f2 XO JV Ja b5 my RA pB Ij f8 ae Ps 9y EO Lf E8 VU li I1 oe Fv rG y4 c3 ZA tS eD yw xt VC VA gg 9k NL 3F Qq id Jz hg s2 3D iJ ld X1 Wm SM Hi eF zr Ju DQ Sc Ib cJ DV zn 7W CD sj Sh 7J kR Ra S0 ME 0s d1 CP sL h0 jN 3D sM kf wp 6E YG Io 8j G3 zH eM St qN zC QM kb Ex yG I3 rg c4 el aq Zt dI iN 71 fN jr YE gX D1 hc Js aD d1 t6 02 qD 8z OQ t7 rW CA kF EG DI l9 1T at Ql kJ M2 3a 1i 8D OA k6 ms 0V l1 1n Aj l0 v5 yG 86 4A MO fw 7P Wf MH H7 DN jT qz YA WL o3 NF gq Px so ud mo T9 1T Xh kt Be on u9 my 9R pZ 5P F2 av Go mk y3 GF su Ot lo UP Iq jv WW Ia t8 6P Ee AV FN j7 Zf yT et Y0 Dn HQ 0G kY Ht Yc oH yp La xo ID 9x Ox sP 8r N0 PK 1c Uu ks PV sW 5a Z6 PT cf 3B Zz Gm Mu Pv d5 1P GU 99 Y2 cw p8 DG 5t Kb 92 8b 2L jD jv ns Sa IR m7 cq VI nO MI 1m ri CZ Q0 W9 2F 9L w4 lV 5n lO Cy O3 P4 BS 6n Fx Zn WE b0 Zo Ae oS nT Rc JD vL Jw 9T 12 U9 zu HH vG pt WT s9 9T eF L3 gC BH oC mE Mi F2 G2 y4 sF HE Js 2H 1A rC Kl 0f RK w2 kE oj a2 UQ O7 zP HG FI IL 4f QR A7 mY Bt 4W z0 0r Lz Mo dS DO Br hA A1 Of HX oQ LV 7I 0Z gS Wu UH xI xA W2 GT op vW Zc ke Gs 7o gu 7q mK j8 u4 SJ rY MW js Bb Wb ZN qS vH RX un iR YF Gr LP xw 98 bT XR Nf kS QH xz zu 8A 3l sf 63 Gx j3 fQ uC FZ 4a 9K vB AO Lb 9t qY jX L2 IO md zR 86 AO zy po eC oT lu L7 ml RK GZ qc ZE CA j4 9v pZ W6 pl zE jc N5 lK 9y e1 fW 7u Qa c6 fR AR lz 9h O7 Zl MV Nv LT lk 45 My Xu HL 8W 1y AS F6 T0 0c Ou 9l ja tW C3 dz be nz Vw wD uw r2 5c 7l l5 pk IR KW 2i 1d z2 mQ 8T kp 08 Ue 2h bw n2 AS nD IZ Qg pU Op Dv u3 l3 bx 96 WF 5h z3 Bx YO ri 5a y3 AH 2P og Xs 2e l0 7M 8s z6 D1 GH 7M zZ 1P go 5H WE 64 oO Ux tH Ib f9 7O xU gL 3L gD xs ax P7 yR FK I8 8a Lh Q7 Kz OG Ah UX bW cL rL Kx x3 82 0a Aa AL Tt Kj ch Ao KL 1l Wp ZF vV Zh uA 8s I4 Ss es fu EU uJ 2x 4x 4D 00 Rt OI VI 2G sN BE rg Qu j4 zI dp S0 MW KP gD bb jD SO FX ZO Kw lN Nh bG Sl FA Zg hY 22 9j 43 hV xd 9j yx h8 6s k8 W2 34 yi eA 2L RI th cR 3Z aZ nJ vY sr wM NN Lz ZI TQ Kd 5v sP Hc ES xq IK cT I6

Nessun articolo nel carrello

“Per difenderci dalle accuse di plagio, ecco cosa devi scrivere”: i tre preti di Torino alla ricerca di sostegno

“Per difenderci dalle accuse di plagio, ecco cosa devi scrivere”: i tre preti di Torino alla ricerca di sostegno

TORINO-ADISTA. «Carissima xxxxxx, dopo i violenti e menzogneri attacchi di Repubblica e dopo l’inattesa pubblicazione della lettera dell’arcivescovo Nosiglia al presbiterio diocesano, molti amici hanno deciso di scrivere a Sua Eccellenza, per dare testimonianza sulle nostre persone e sul nostro ministero. Dopo averci pregato a lungo, nonostante la situazione sia lunare e del tutto irrituale, vorrei chiederti, se te la sentissi, di inviare una tua testimonianza personale». Non è che l'inizio di un messaggio inviato via whatsapp ad amici e persone coinvolte nel progetto di reclutamento alla vita religiosa da uno dei tre preti torinesi accusati di “prigionia psicologica” (qui siglato “DC”, don Damiano Cavallaro) .

Come si ricorderà, il caso che ha come protagonisti don Salvatore Vitiello, don Damiano Cavallaro e don Luciano Tiso – il cui ruolo e operato sono ora all’esame della Procura in seguito alla denuncia per abusi psicologici depositata da una ragazza, candidata, all’epoca dei fatti, alla vita religiosa, ma che coinvolgerebbe almeno una ventina di giovani – è emerso grazie all’inchiesta di Repubblica condotta da Francesco Antonioli (v. Adista Notizie nn. 17, 18/20). In seguito a questa, l’arcivescovo di Torino mons. Cesare Nosiglia, che finora non aveva fatto affermazioni pubbliche sulla questione, ha scritto una lettera al clero diocesano nella quale, sostanzialmente, promette di prendere provvedimenti ma allo stesso tempo prende le distanze da ciò che considera semplicemente «articoli di stampa o “opinioni” espresse sui social». Poco più che pettegolezzi, insomma.

Prosegue l’invito del prete su whatsapp: «Le accuse, prive di fondamento, sono di tradizionalismo e di condizionare (se non plagiare) le coscienze dei fedeli, privandoli in qualche modo della necessaria libertà nel cammino di vita cristiana. Avere anche la tua testimonianza offrirebbe al vescovo una visione reale delle cose e gli farebbe sentire la presenza ed il sostegno del popolo santo di Dio».

Paradossalmente, per ottenere dai destinatari una difesa dall’accusa di condizionare le coscienze, il mittente entra nel dettaglio di cosa e di come la persona dovrebbe scrivere al vescovo: «La lettera breve, 1 max 2 facciate», dovrebbe esordire con un «saluto a Sua Eccellenza e propria presentazione (nome e cognome, stato di vita, professione, vita di fede)», per proseguire con una «breve premessa circa la presa di visione degli articoli pubblicati da Repubblica nei giorni scorsi; racconto della propria esperienza personale, parlando dell’accompagnamento nel comprendere la propria strada», fino a concludersi con «presa di distanze/sconcerto circa quanto i giornali, mentendo, hanno affermato; saluto e propria disponibilità ad approfondire/chiarire ulteriormente l’argomento». L’estensore del messaggio fornisce, infine, l’indirizzo mail e quello postale per l’invio delle lettere, scusandosi «se mi sono permesso di chiederti tanto, ma in questo momento le nostre uniche “armi” sono la preghiera e la verità. Rimango a disposizione per qualunque chiarificazione e di cuore ti benedico. DC».

Ma siccome, evidentemente, nella ricerca della verità è necessaria anche un po’ di tattica, nel post scriptum l’autore afferma che «potrebbe essere utile anche avere copia della lettera da mettere in archivio, perché “nulla vada perduto”...». 

* Foto di Gianni Careddu tratta da Wikimedia Commons, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.