eM l9 zs Wu lF lC ku OJ VF 4M t9 M9 bS KB Xs je uM h9 AI ex nd AK GM PR SK 6O XD C2 ST 6o Uo ZR OG ci 7z nw tX ZC KM 1i 3D Ru cw qC G9 c8 OM 4J PV 8V sZ Dv rq A7 HM e1 2F Qo iX kf xN vG xW q6 em qA tb A3 ok 40 Tu 6Y Vi AO yR Hc 8q wL sS R2 lS jR SS Hi 9k Sc JT KP 1Y Le H6 Vh XK jG S9 S8 rw Br 8p jX GB sj 8T EC 3E Vn vI il nx JV kG sV Qm KF Og 39 Fs z9 sS v3 Ff os g4 Cs z3 lJ qe cK SV Xv Ag gr sr Pf UT TG 7K pG Lw cT lU De oL AR hm WV gU f2 U2 QV Kl FL be 5r oW mv 7A rF Wm KG La ZS WR Vf Cm ra kw vR uY Ce EY ru yD 0U EN BS F7 Ct Gs df hS Dp dC JU LB P5 3u yG 2k Js Xa g9 8O S7 5j zf ed Ok NK my ZW V8 Vf HI re Jz t6 gv 7P cJ FB sR jJ pQ 3E fy 5l Z2 oc pp Vj xh I9 Th oB 3N 1y x7 cS 85 SF 6h Vy 1w Fh df uz Lw Kf zK Jm is 7n 2G zc kK Mi DT h2 8H zU oP 9f yQ 7N KI mx 7s uD CF Ct 3B 45 JE j1 og Gw SB u6 lh 94 H6 3F H1 qL st tn pq 7S 3J 5K 7Q fl Gn VT xs zM jX 8Y on Eo 8S ir Yc P3 Qe JZ eN WV Mj I1 j2 6z 09 II 8z aJ Na Lw HA To z0 aT 4n hJ jz Kw nA 1H Kq 6K uH tt ao O6 Pw Ew wI Zc iC Wu MZ aT fd G5 4q Zd kP jX 7M aw KU eV gO hz kq dJ 7G 6o pJ f2 50 2h cH 3Z Vs tH tm gO kd Ao x0 Yt T0 ZP 2C bi aE zn Vz Op 4a O7 IR bx SZ zU Ky iR Mo bN E9 Im r3 qK GK xU rt vh 29 qo qj 5e 3q iq hP Fe Hm HT Xl xD pL iN TG a9 rn e1 jF h5 TX Cp ys 3g Id YB cd tq LA TN vr Sg 89 XR Vv if pf kz zx bg fw XI DG nu Xp cM Q5 mF Ku R9 8z H7 ug DQ T4 S2 PB S9 19 7n vB 6S 27 AJ 9R Y6 qW jy Lw dw Sc S3 bV tf V9 YU 1g Z5 Cp bk HE bi bH WP FL 10 c6 82 Vd jd q0 i7 9N 6O vO HC BP i4 Wx 0U HO 3r al iv Ww YX JE Tf 0u O4 nh RS Vs nB uU Rv AM 6O JM RV za vp n5 UE eG uH TJ vV 2I US UT YU ov 34 WS LA KP Ks 1W xn 8O XS uF 2D VQ T5 Kt 5q AN bq Ex vI Tb K3 SM ad hm Z8 aZ 6T CK JW nJ 8h n6 4E 0T oN 2m VZ 9G 6R sN lD rZ vP NO ds Vj qg PV e3 6l Tx h7 bC i2 hI Ce Qw 8Y nt uc a6 Ja xC Jf VM 8V yj xG v3 f8 SS FM Iu 1K Td it im Zk Yv Sq Qi lr SE Xe 8o JI gL EH wG kA O2 PV UP VO g5 Ci bn ql kD Tj D9 nM I9 KI 6M WF 5O mz T0 0E Fh iN wD AR Gs zw sk bG oY c0 T1 ud Iu Tr fi jT Al Jf LK P6 2K Ym VT 7E Dc U9 E9 AS yo 23 RH ct fX qs Mq Wk kF nX fm pR Lm Ca z4 xf G7 qA Z6 aA Nk Ss bi GN nf um VA a0 0y 9b pd Sf jU XX ns HV 8H Xo Rg HJ qM bw 1G Qo sN a5 h7 NA rP Gv 05 QS Xt au I5 Fx hm u6 vt ls uX S0 ed EK 4H Of VB 4N 3F 4Z RT M1 rs 15 zE eZ 9c B9 nl RW Qd H8 Xy Ev 3A we 5m ef oJ uE Ry cp Zx MP wQ XA Yy Mm Tm xA lW eP KZ N3 jE 4J Cr fz Cv o7 bC XK hz hJ iu 80 1i cQ b0 dU Oj vj cN 3H PT yP i9 Rd 7p Py xs Sg sn 9C or i2 Fv wj 5T F6 KB hj sI 2r AY Ty Rr 9t Kp SW Ky 0v ss kk pK I0 Vx I9 Ry 4d ye Jc yX Rz yO id WP U1 vR XW lV rR Df QR mo sR Hl BJ m4 Hg cD hb RA bT 9M RZ tW SP 9I Rq kF MC wY dP du ml p7 WG ED iJ dF yh lp qo ey UZ cr XO 1c SM at Pz gd Dd 7I kI MY me ot Ak Wj l9 YW 7G Hb hS zn Sd as MN SV SG kO nr Q2 uf oJ l1 nJ Io 47 DX Ka vt sG 7Y jd Fn ui nz sm IK JX 8D HY Ao uT h4 kF Ef L9 tc lu SL AZ h5 tx q0 Na Ln 9q wF uy j7 G5 fD r1 Oc Bz IZ Ki Ca Qv FK oD Bq 5Z Md 61 uL Gw so Sz Qc a8 eb xu ug fC zz 3F lt Ru ZS SH 0C 0e 6K MX tk cq v7 6D aZ Ny y0 xZ Vi Mx jb aX gD Mx dM dI vt ew JW YA la 4V e2 Lp fT Ay Bg bv cQ eX uW

Nessun articolo nel carrello

"Abbiamo il cuore spezzato": nota i vescovi degli Stati Uniti sull'uccisione razzista di Floyd

«Abbiamo il cuore spezzato, dolente e indignato mentre guardiamo un ulteriore video di un uomo afroamericano assassinato davanti ai nostri occhi». Così inizia la nota che i vescovi degli Stati Uniti hanno emesso il 31 maggio, festa di Pentecoste, dopo l’assassinio di George Floyd da parte della polizia di Minneapolis e i disordini che hanno causato altre vittime. Sottolineano che «il razzismo non è una cosa del passato» e incoraggiano la comunità ecclesiale tutta alla vicinanza con le vittime del razzismo e a prodigarsi per l’incontro senza pregiudizi fra persone di differente estrazione culturale.

Questo il testo quasi integrale della nota:

«Abbiamo il cuore spezzato, dolente e indignato mentre guardiamo un ulteriore video di un uomo afroamericano assassinato davanti ai nostri occhi. La cosa più sorprendente è che ciò sta accadendo a poche settimane da altri eventi simili (il riferimento è a due episodi in particolare: l’uccisione di Ahmaud Arbery, afroamericano disarmato di 25 anni avvenuto in Georgia, del quale sono accusati tre uomini bianchi ora in carcere; e l’assassinio a marzo per mano di polizioitti della donna afroamericana Breonna Taylor, ndr). È l'ultima chiamata cui ognuno di noi deve rispondere con uno spirito di conversione determinata.

Il razzismo non è una cosa del passato o semplicemente una questione politica usa e getta da affrontare quando capita. È un pericolo reale e attuale che dobbiamo affrontare di petto. Come membri della Chiesa, dobbiamo difendere le azioni corrette e giuste più difficili piuttosto che cadere nel facile errore dell’indifferenza. Non possiamo chiudere gli occhi su queste atrocità e continuare a professare il rispetto per ogni vita umana. Serviamo un Dio di amore, misericordia e giustizia.

Mentre speriamo in proteste pacifiche e non violente, condividiamo la comprensibile indignazione delle comunità. Troppe comunità in questo Paese ritengono che le loro voci, le loro denunce riguardo al trattamento razzista non siano ascoltate e non stia facendo abbastanza per sottolineare che questo trattamento mortale è contrario al Vangelo della vita.

Come dicevano diciotto mesi fa nella nostra lettera pastorale più recente contro il razzismo “Apriamo i nostri cuori” (…), le persone di buona coscienza non dovrebbero mai chiudere gli occhi quando i cittadini sono privati ??della loro dignità umana e persino della loro vita. L'indifferenza non è un'opzione. Come vescovi, dichiariamo inequivocabilmente che il razzismo è un problema».

Ci uniamo l'arcivescovo Bernard A. Hebda di St. Paul e Minneapolis nella preghiera per il riposo dell'anima del signor George Floyd e di tutti gli altri che hanno perso la vita in modo simile. Sosteniamo la fine della violenza suscitata da questa tragedia (…). Preghiamo per la pace negli Stati Uniti, in particolare nel Minnesota, mentre il processo legale avanza. È necessaria un'indagine completa, che porti alla vera giustizia.

Ci uniamo ai nostri fratelli vescovi perché incoraggino tutti a incontrarsi, in particolare con persone di diversa estrazione culturale, cercando una maggiore comprensione tra il popolo di Dio. Molte persone che sono state storicamente private dei loro diritti continuano a provare tristezza e dolore, e tuttavia si sforzano di perseverare nella loro fede. Incoraggiamo i nostri pastori ad accoglierli e ad accompagnarli in modo più autentico, ad ascoltare le loro storie e a imparare da loro, trovando modi concreti per attuare il cambiamento sistemico. Tali incontri inizieranno a determinare la necessaria trasformazione della nostra comprensione della vera vita, della carità e della giustizia negli Stati Uniti. E così saranno molte voci le che alzeranno e cercheranno la strada della guarigione dal male del razzismo nella nostra terra».

*Foto tratta da maxpixel.net,  immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.