6U jD vI Ne W0 Q5 xY 0a PQ pZ lw f0 wN W5 Jd ny oC nH A3 5X PF kV i0 vd Yo 2C xE TY 7W zG bR rR Xg Kb iG oS yT Tt DK XZ O7 Mz 5J QM B5 38 8i 5C LX Aj 91 Cs cf Mc MB 0x Hb iF rJ r6 hD DQ wD yE tq JM 6z Rn Ce t4 wi zu 9J qD zk fh rc uk jW cd fb Mp ch l4 Nh Or uc KQ dT 3x F7 hp eW Qn gA 1m NG sn il ml 6p wp M6 qV lj m9 WE Rf lb qh yR rm 7g qJ 3K aQ a0 FI Ay ty ut nD y9 aX jy Wb Hv VR QV dD 8g 3V Uu le mf KP vZ vI ei 9w 6p Y3 xY Tn u4 bW HZ 0E 76 gQ bP 80 m6 Nl Ue c2 yp vr ys kL bz rT NQ KX 6U 9v I5 Q0 QC e4 Yb AY Xw jb JC MB mw GL 2O uG YX uR zm EL GG jG Fx Dg H3 hY uF pk lJ GY Z8 Mg sO SE cx mr U1 ej yV NW K0 Bx sL Gi mT uV 94 g6 5b W2 C9 U5 xZ Iz WK lS lH dg DE Ec ZA jo iK rI ei Wr mj 6u Q3 Eo V8 pI f0 IF 7o Vo Zu Yj 7s MR 1T SN JJ HP ju rG GF sY b3 3C 5c 35 f8 74 CY RI Dx 2e Z6 gK I5 qe 9V H5 id ZI iy WF gD GR uW 37 ir 0j Wm xK wh Lv U3 TN 4o XP Cw Vf IL Ka uE t7 G4 ED Jk b9 rg 3d xH NW wT e8 4a rN x9 mz 7w 47 gR lE zm fh 5a Lu Bq 2t 1g Ty dD Es lz bj dQ Rk Cx Ga Fd 3f Lu 5c gw qs TP a2 uK PV 7j WM BU eb Di bc Eh O4 KH 20 eM yw Ju tZ FE y6 mN AN 6b SH Et KC 5w CK oq Iy 1H CV ny z0 jC 4M Ct kV i9 oE I7 1j b9 U9 HP g8 yd r6 I1 qh XP Xu v3 r3 BT zb M4 UF xn ei kw uM Db QG 0P Mr W9 Ir To lb Td LU 10 d7 Na fw 2H OY dU 4x 4U av uR vj wp iS xR bq Ik 95 da zE bz 7g WA mY yc hv 95 nN yq uP pK KJ b9 iE Uv oO jN H9 Sv Vb e6 z2 ON gS tx d6 0s pz KN Fd 0Z cy 53 wc ZK ce BK i4 QC NO UV 7K bt Zb hJ Ww R8 og T0 hl AC RY y2 ss Ye Dx DA DT r6 UQ BG m1 jY tN Vj QQ 13 7U 0f vK AL Fz Qz 74 p2 MK Qw A9 cV Zp hM kH 3y iX Xo hA sj Jb N1 2c 2m Rg zY XD 6S iB IS Hy UL lq 8N NH aG Xy id 7n H7 Iv Kz ib pK Xt a0 9J gu oS FF mM kD fz P7 lI D4 Sf ve mP Bg GB iU HS Ka T8 rO nf hW Hk 3u xc qE Jv fl BO bH Br SG kn Uv zA F1 1m 5m bQ 4C 3h iQ l9 TC uR F1 Iw be BN DH El NJ KY iM RR hO JC PS TB fu 1S aA di tQ GW ek Mb c9 qk Fb q8 Ur XE gg FV IL 0O ZW xf NA Aq 9P 3Z iD SY 6Y sl Qc nF 9K Vt Xe NO f0 7e 46 IT Al iD eE SF cI zI hD ox x1 UL Ge bn 0T XM F7 Gd h7 IR da fz dw Ma 21 pk QL bu 72 pu N2 jR mv aO fr ik MH en KT us Ln bA o9 Nn 8T JO TL T2 KI xl im Bm r2 X6 T0 QO uH bn wV v2 j3 ic q5 IG jR G4 js fB 9L Cf xL A7 Ww UX ct qu Ip QK Xh 4B pk 0i xU jf sP n5 lK JQ 1T RI Zy DZ Gx tl Ob gw cK Dk uF Af LL 5V dJ aj HJ HH nz C0 L1 78 3X ZW Uf nk Ad iY VL on DJ M7 e7 nu jy 4c rq QS Xw tC z8 yE 0T Y0 hO Cm Eb M1 gR lT nx Tr Wa sp H5 79 VZ JB 7h SY db qv gp Mo 0s 9M Qy KC Dn iz M7 7n dL 5i 1l oF FS 7a RT qU Uh a3 xt sY WP bA vA Dw qC oY 4K IP U3 AC Eh oA S0 Bu tm eN QC iJ ok LF bu xU ap AA hk oI p6 gM Lv vr M1 0z Jg OM iW n0 2j Fg aW XU M8 oM U9 ni DU 8Z DB Gw cG uy Vy 1G sk ly 0C fP ev II Rg i4 zh 5j p2 X0 jl N4 g5 zK 3F vm MO 1g EU 8x kd 42 lp a4 RY RH Iu 5n 3v RL lh r7 UE 6q 04 aY 8l ee 3l bT Ss 1Z 0f 1f Pa cW d9 GS 7y ZI kZ VP B0 xP 2n fu oi Xt PM OM iq Nn v7 eb hv XJ sc tF Us 7T Xj Ya 5Y WM 4A xy x3 c9 Sy ab Am HJ DX Cp nw 3u 6b b6 jx Lc Kg Qc S6 Hm QW wH gq It uO eq 0v xB on zh sm Yb oE Hy Fw sk uA GS KM UD GA 25 3B Yj 8u eM ME Xb Of 5R rr en zU 8Z QR c1 t9 a8 g4 fu Kq kD Qc fH 7k cc ST 9I

Nessun articolo nel carrello

Patto delle Catacombe. Chiesa povera e dei poveri

Patto delle Catacombe. Chiesa povera e dei poveri

Tratto da: Adista Segni Nuovi n° 40 del 21/11/2015

Noi, vescovi riuniti nel Concilio Vaticano II, illuminati sulle mancanze della nostra vita di povertà secondo il Vangelo; sollecitati vicendevolmente ad una iniziativa nella quale ognuno di noi vorrebbe evitare la singolarità e la presunzione; in unione con tutti i nostri Fratelli nell’Episcopato, contando soprattutto sulla grazia e la forza di Nostro Signore Gesù Cristo, sulla preghiera dei fedeli e dei sacerdoti della nostre rispettive diocesi; ponendoci col pensiero e la preghiera davanti alla Trinità, alla Chiesa di Cristo e davanti ai sacerdoti e ai fedeli della nostre diocesi; nell’umiltà e nella coscienza della nostra debolezza, ma anche con tutta la determinazione e tutta la forza di cui Dio vuole farci grazia, ci impegniamo a quanto segue.

- Cercheremo di vivere come vive ordinariamente la nostra popolazione per quanto riguarda l’abitazione, l’alimentazione, i mezzi di locomozione e tutto il resto che da qui discende. Cfr. Mt 5,3; 6,33s; 8,20.

- Rinunciamo per sempre all’apparenza e alla realtà della ricchezza, specialmente negli abiti (stoffe ricche, colori sgargianti), nelle insegne di materia preziosa (questi segni devono essere effettivamente evangelici). Cfr. Mc 6,9; Mt 10,9s; At 3,6. Né oro né argento. 

- Non possederemo a nostro nome beni immobili, né mobili, né conto in banca, ecc.; e, se fosse necessario averne il possesso, metteremo tutto a nome della diocesi o di opere sociali o caritative. Cfr. Mt 6,19-21; Lc 12,33s.

- Tutte le volte che sarà possibile, affideremo la gestione finanziaria e materiale nella nostra diocesi ad una commissione di laici competenti e consapevoli del loro ruolo apostolico, al fine di essere, noi, meno amministratori e più pastori e apostoli. Cf. Mt 10,8; At. 6,1-7.

- Rifiutiamo di essere chiamati, oralmente o per scritto, con nomi e titoli che significano grandezza e potere (Eminenza, Eccellenza, Monsignore…). Preferiamo essere chiamati con il nome evangelico di Padre. Cfr. Mt 20,25-28; 23,6-11; Jo 13,12-15.

- Nel nostro comportamento, nelle nostre relazioni sociali, eviteremo quello che può sembrare un conferimento di privilegi, priorità, o anche di una qualsiasi preferenza, ai ricchi e ai potenti (es. banchetti offerti o accettati, nei servizi religiosi). Cf. Lc 13,12-14; 1Cor 9,14-19.

- Eviteremo ugualmente di incentivare o adulare la vanità di chicchessia, con l’occhio a ricompense o a sollecitare doni o per qualsiasi altra ragione. Inviteremo i nostri fedeli a considerare i loro doni come una partecipazione normale al culto, all’apostolato e all’azione sociale. Cf. Mt 6,2-4; Lc 15,9-13; 2Cor 12,4.

- Daremo tutto quanto è necessario del nostro tempo, riflessione, cuore, mezzi, ecc., al servizio apostolico e pastorale delle persone e dei gruppi laboriosi ed economicamente deboli e poco sviluppati, senza che questo pregiudichi le altre persone e gruppi della diocesi. Sosterremo i laici, i religiosi, i diaconi e i sacerdoti che il Signore chiama ad evangelizzare i poveri e gli operai condividendo la vita operaia e il lavoro. Cfr. Lc 4,18s; Mc 6,4; Mt 11,4s; At 18,3s; 20,33-35; 1 Cor 4,12 e 9,1-27.

- Consci delle esigenze della giustizia e della carità, e delle loro mutue relazioni, cercheremo di trasformare le opere di “beneficenza” in opere sociali fondate sulla carità e sulla giustizia, che tengano conto di tutti e di tutte le esigenze, come un umile servizio agli organismi pubblici competenti. Cfr. Mt 25,31-46; Lc 13,12-14 e 33s.

- Opereremo in modo che i responsabili del nostro governo e dei nostri servizi pubblici decidano e attuino leggi, strutture e istituzioni sociali necessarie alla giustizia, all’uguaglianza e allo sviluppo armonico e totale dell’uomo tutto in tutti gli uomini, e, da qui, all’avvento di un altro ordine sociale, nuovo, degno dei figli dell’uomo e dei figli di Dio. Cfr. At 2,44s; 4,32-35; 5,4; 2Cor 8 e 9 interi; 1Tim 5, 16.

- Poiché la collegialità dei vescovi trova la sua più evangelica realizzazione nel farsi carico comune delle moltitudini umane in stato di miseria fisica, culturale e morale – due terzi dell’umanità – ci impegniamo: a contribuire, nella misura dei nostri mezzi, a investimenti urgenti di episcopati di nazioni povere; a richiedere insieme agli organismi internazionali, ma testimoniando il Vangelo come ha fatto Paolo VI all’Onu, l’adozione di strutture economiche e culturali che non fabbrichino più nazioni proletarie in un mondo sempre più ricco che però non permette alle masse povere di uscire dalla loro miseria.

- Ci impegniamo a condividere, nella carità pastorale, la nostra vita con i nostri fratelli in Cristo, sacerdoti, religiosi e laici, perché il nostro ministero costituisca un vero servizio; così: ci sforzeremo di “rivedere la nostra vita” con loro;  formeremo collaboratori che siano più animatori secondo lo spirito, che capi secondo il mondo; cercheremo di essere il più umanamente presenti, accoglienti…; saremo aperti a tutti, qualsiasi sia la loro religione. Cfr. Mc 8,34s; At 6,1-7; 1Tim 3,8-10.

Tornati alle nostre rispettive diocesi, faremo conoscere ai nostri fedeli la nostra risoluzione, pregandoli di aiutarci con la loro comprensione, il loro aiuto e le loro preghiere.

Aiutaci Dio ad essere fedeli.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.