Nessun articolo nel carrello

Il vicario di Aleppo: le potenze «vogliono distruggere la Siria»

Il vicario di Aleppo: le potenze «vogliono distruggere la Siria»

«Non vi è la volontà di lasciare in pace questo Paese». Attori regionali e potenze mondiali «sembra stiano cercando sempre più un pretesto per intervenire con una durezza ancora maggiore, e combattere». È quello che constata il vicario apostolico di Aleppo in Siria, mons. Georges Abou Khazen, commentando con AsiaNews (10/3) l’escalation della guerra all’indomani dell’attacco a Douma, nella Ghouta orientale (periferia est di Damasco), dove secondo fonti di opposizione, il governo del presidente Bachar Al Assad avrebbe fatto uso di armi chimiche. Damasco smentisce con forza le accuse, come fa il suo più potente alleato, la Russia, e, informa l’ecclesiastico, «sta chiedendo al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di inviare una commissione di inchiesta». Tuttavia, lamenta, le potenze del blocco anti-Assad [Stati Uniti, Regno Unito, Francia] vogliono adottare il pugno di ferro e non sembrano «accettare alcun compromesso». Il presidente Usa Donald Trump sta in effetti valutando l’ipotesi di attaccare la Siria, con ciò facendo salire alle stelle la tensione con la Russia, che dal canto suo denuncia la «campagna di aggressione» contro uno Stato sovrano.

Secondo fonti dell’opposizione  - «ma non vi sono conferme indipendenti», nota AsiaNews - nell’attacco chimico sono morte circa 60 persone, fra cui donne e bambini, e almeno mille sarebbero i feriti. L’ambasciatore russo Vassily Nebenzia smentisce con forza che sia avvenuto questo tipo di attacco: «non ci sono prove», afferma.

«Russia e Stati Uniti dicono tutto e il contrario di tutto. Washington accusa ma non ha certezze. Quello che non mi spiego - osserva il vicario di Aleppo - è il senso di un attacco con armi chimiche dopo aver già liberato quasi tutto il territorio della Ghouta orientale. Mi sembra poco credibile e mi chiedo chi possa trarre vantaggio da tutto questo».

In tale contesto di crescenti accuse e violenze, non resta che accogliere - è l’atteggiamento disarmato di mons. Abou Khazen - l’appello per la pace di papa Francesco: «Le parole del pontefice corrispondono alla nostra posizione e al nostro desiderio più grande. Vogliamo la pace. Di fronte a queste azioni e alle conseguenti minacce, la gente ha paura e l’escalation degli ultimi giorni preoccupa moltissimo. Non saprei dire cosa è cambiato nelle ultime settimane, ma si vede che vi è la ricerca di un pretesto per distruggere il nostro Paese». Invece «bisogna arrivare a una soluzione condivisa - conclude mons. Abou Kazen - ma se non si adotta il criterio della verità e si sfruttano menzogne e bugie per i propri fini sarà difficile. E a pagarne le conseguenze saranno sempre le famiglie siriane, devastate sul piano economico, sociale e morale da un conflitto senza fine».

*Foto di Arian Zwegers tratta da wikimedia commons immagine originale e lcienza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.