Nessun articolo nel carrello

Il governatore di New York per l'abolizione della pena di morte:

Il governatore di New York per l'abolizione della pena di morte: "io sto con Francesco"

NEW YIORK-ADISTA. «La pena di morte è moralmente indifendibile e non ha senso nel secolo XXI». Con questa affermazione, il governatore di New York, Andrew Cuomo, ha annunciato la sua intenzione di far di tutto per promuovere l’abolizione della condanna capitale negli Stati Uniti, e di sostenere la modifica voluta da papa Francesco del Catechismo della Chiesa Cattolica. New York, che non esegue la pena capitale dal 1963, è uno Stato che ha più volte abolito e poi riammesso tale pena.

L’art. 2267 del Catechismo recitava: «L'insegnamento tradizionale della Chiesa non esclude, supposto il pieno accertamento dell'identità e della responsabilità del colpevole, il ricorso alla pena di morte, quando questa fosse l'unica via praticabile per difendere efficacemente dall'aggressore ingiusto la vita di esseri umani».

La nuova versione dello stesso articolo, voluta da papa Francesco, afferma: «Per molto tempo il ricorso alla pena di morte da parte della legittima autorità, dopo un processo regolare, fu ritenuta una risposta adeguata alla gravità di alcuni delitti e un mezzo accettabile, anche se estremo, per la tutela del bene comune. Oggi è sempre più viva la consapevolezza che la dignità della persona non viene perduta neanche dopo aver commesso crimini gravissimi. Inoltre, si è diffusa una nuova comprensione del senso delle sanzioni penali da parte dello Stato. Infine, sono stati messi a punto sistemi di detenzione più efficaci, che garantiscono la doverosa difesa dei cittadini, ma, allo stesso tempo, non tolgono al reo in modo definitivo la possibilità di redimersi. Pertanto la Chiesa insegna, alla luce del Vangelo, che “la pena di morte è inammissibile perché attenta all’inviolabilità e dignità della persona”, e si impegna con determinazione per la sua abolizione in tutto il mondo».

Il rescritto, firmato il 1° agosto, e diffuso il giorno successivo, dispone che il nuovo testo «venga tradotto nelle diverse lingue e inserito in tutte le edizioni del suddetto Catechismo».

Nel presentare la novità, il cardinal prefetto della Congregazione della Dottrina della fede, Ladaria, ha precisato che non c’è contraddizione con la posizione assunta dai due papi che hanno preceduto Francesco sul soglio pontificio, ma di uno «sviluppo» nel quale «è di grande importanza l’insegnamento della Lettera enciclica Evangelium vitae di Giovanni Paolo II», che «annoverava tra i segni di speranza di una nuova civiltà della vita “la sempre più diffusa avversione” dell’opinione pubblica alla pena di morte anche solo come strumento di ‘legittima difesa’ sociale». Perché, la pena di morte ha spiegato il porporato «non si presenta come una pena proporzionata alla gravità del delitto». 

La nuova redazione dell’art. 2267, ha aggiunto il card. Ladaria «vuole costituire una spinta a un deciso impegno, anche attraverso un rispettoso dialogo con le autorità politiche, affinché sia favorita una mentalità che riconosca la dignità di ogni vita umana e vengano create le condizioni che consentono di eliminare oggi l’istituto giuridico della pena di morte laddove è ancora in vigore». Ed è proprio l’impegno che prontamente ha assunto il governatore di New York.

*Foto tratta da Creative Commons immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.