Nessun articolo nel carrello

Acqua: finalmente in Parlamento

Acqua: finalmente in Parlamento

In questi mesi ci giochiamo tutto sull’acqua. C’è bisogno di una mobilitazione forte perché il Parlamento finalmente approvi una legge sull’acqua che rispetti il Referendum del 2011. In quell’occasione ventisei milioni di cittadini hanno votato che l’acqua deve uscire dal mercato e che non si può fare profitto su questo bene così prezioso e scarso.

Otto anni sono passati da quell’evento e ben cinque governi si sono succeduti in questo Paese senza tradurre la volontà popolare in legge. Anzi, tutti e cinque hanno favorito la privatizzazione dell’oro blu. È una vergogna!

Ma i comitati per la gestione pubblica dell’acqua insieme al Forum non hanno mai smesso di ricordare ai politici il dovere di obbedire al Referendum, consci che l’acqua è uno dei beni comuni più fondamentali. Un bene oggi messo in pericolo dal surriscaldamento del pianeta: avremo sempre meno acqua potabile disponibile. Ecco perché le multinazionali cercano di mettere le mani sull’oro blu per venderlo, come hanno fatto per il petrolio. Sarebbe una tragedia per l’umanità, soprattutto per i più poveri.

Per fortuna che papa Francesco nell’enciclica Laudato Si’ è venuto a ricordare a tutti che «l’accesso all’acqua potabile e sicura è un diritto umano, essenziale, fondamentale e universale perché determina la sopravvivenza delle persone». Non solo, ma aggiunge che è un «diritto alla vita». Un termine, in campo cattolico, usato per l’aborto e l’eutanasia!

«Questa affermazione è di radicale importanza – afferma la teologa americana Christiana Peppard – ed è un contributo essenziale al dibattito pubblico nell’era della globalizzazione economica». Mossi da questa profonda convinzione non abbiamo mai smesso in questi anni di premere perché i governi obbediscano al Referendum. Solo con i governi Renzi e Gentiloni, la commissione Ambiente della Camera aveva preso in considerazione la legge di Iniziativa Popolare, proposta dal Forum e dai Comitati, ma l’aveva poi stravolta. E noi l’avevamo ripudiata.

Ora con il governo gialloverde la Commissione Ambiente della Camera ha di nuovo ripreso in mano il testo originale della legge e il 30 gennaio scorso l’ha approvato. E nella prima settimana di marzo questo disegno di legge verrà discusso alla Camera.

È un momento importante e cruciale questo. Sappiamo bene, che questo Disegno di Legge, che prevede la ripubblicizzazione dell’acqua con il meccanismo dell’Azienda Speciale (come abbiamo a Napoli), avrà una forte opposizione in Parlamento. Dobbiamo tutti mobilitarci. Per questo il Forum dei Movimenti per l’Acqua invita i rappresentanti dei Comitati a un’Assemblea Nazionale che si terrà a Roma il 23 febbraio al Millepiani Coworking. È un momento storico questo per l’acqua nel nostro Paese, per cui lanciamo un pressante appello a:

  • Comitati dell’acqua, perché facciano pressione sui parlamentari della propria regione sia per telefono o web con mailbombing;

  • CGIL, UIL, CISL, perché si schierino per la gestione pubblica dell’acqua e premano sul Parlamento;

  • ACLI, AGESCI, Azione Cattolica, ecc., perché, come si sono spesi per il Referendum, si impegnino ora per la nuova legge;

  • Conferenza Episcopale Italiana (CEI), perché sulla scia di papa Francesco, prenda posizione sulla ripubblicizzazione;

  • Parroci e sacerdoti, perché aiutino i fedeli a capire, con le parole di papa Francesco, quanto sia importante la ripubblicizzazione dell’acqua;

  • Giornalisti, perché aiutino a rompere il silenzio mediatico su questo tema;

  • Cittadini, perché facciano sentire la loro voce utilizzando tutti i mezzi a loro disposizione.

Credenti e laici, insieme, possiamo ottenere una prima grande vittoria parlamentare per il più importante dei beni comuni. L’Italia sarebbe la prima nazione della Ue a fare questo, un esempio che potrebbe trascinare il resto dell’Europa a fare altrettanto. Diamoci tutti da fare per questa legge che ripubblicizza l’acqua, che è la Madre della vita. È mai possibile privatizzare la madre? Diamoci da fare perché vinca la vita.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.