Nessun articolo nel carrello

Tempo di Draghi

Tempo di Draghi

Tratto da: Adista Notizie n° 6 del 13/02/2021

Non si è ancora spento l’eco dell’esultanza con cui i principali mass media hanno accolto l’annuncio del Presidente Mattarella di aver conferito a Mario Draghi l’incarico di formare un nuovo governo sulle ceneri del Conte bis disfatto da Renzi. Esultanza condivisa dai mercati finanziari che hanno celebrato l’annunzio con una fiammata dei listini. A questo entusiasmo fanno da contraltare le voci che rimarcano il ruolo di vestale dell’ortodossia neoliberista svolto in passato da Draghi ed eccepiscono che il pilota automatico ha sostituito la Costituzione.

Quali che siano i meriti o i demeriti, le virtù e le capacità del personaggio, noi che non crediamo nell’uomo della Provvidenza, non possiamo non osservare con disagio che l’operazione di calare un “deus ex machina” per risolvere l’incapacità del Parlamento di dar vita a una maggioranza politica e a un governo capace di governare, certifica il “commissariamento” delle istituzioni politiche rappresentative da parte del Capo dello Stato. Se non c’è da esultare per l’esito della crisi di governo, ci sono degli aspetti positivi che devono essere valutati. Il primo e più importante è che l’insediamento di un Governo Draghi scongiura il ricorso anticipato alle urne che in questo momento sarebbe esiziale per il nostro Paese. Il presidente Mattarella nel suo messaggio ha spiegato i gravissimi inconvenienti che deriverebbero da una paralisi di quattro/cinque mesi dell’attività di governo mentre dobbiamo affrontare il passaggio cruciale della pandemia e del Recovery plan. Ma ci sono altri motivi altrettanto importanti. L’attuale legge elettorale (il Rosatellum adattato al taglio dei parlamentari) non assicura il rispetto della volontà popolare poiché con il 35/40% dei voti il centrodestra otterrebbe la maggioranza assoluta dei seggi, si assicurerebbe il governo e la possibilità di eleggere un suo presidente della Repubblica. In questo modo si aprirebbe la via al modello ungherese della “democrazia illiberale”.

Un altro aspetto positivo è che, a differenza del governo Monti, nato con la missione di tagliare la spesa sociale per ridurre il debito, quello di Draghi nasce sotto il segno del rilancio di una politica espansiva assicurato dalle risorse europee. Qui viene in gioco la sensibilità del personaggio, che dovrà necessariamente fare delle scelte politiche e confrontarsi con delle esigenze sociali drammatiche che non possono essere oscurate, a cominciare dalla scadenza a marzo del blocco dei licenziamenti, come gli ha ricordato Mattarella.

Quello che è certo è che in queste condizioni, non è possibile fare un governo “tecnico”. Draghi per governare dovrà fare delle scelte politiche rilevanti. Manterrà o cancellerà il reddito di cittadinanza, come gli chiede la Confindustria? Porterà avanti o seppellirà il progetto divisivo dell’autonomia differenziata, tanto caro ai Governatori leghisti e a quello dell’Emilia Romagna? Nell’attuazione del Recovery plan , svilupperà i punti cruciali come la riduzione del divario Nord-Sud, la sanità, la scuola, l’ambiente, determinanti per lo sviluppo del nostro Paese? Molto dipenderà dalla maggioranza su cui potrà contare. È comprensibile il travaglio del Movimento 5Stelle, ma è evidente che il governo Draghi assumerà i suoi orientamenti sulla base delle forze parlamentari che lo sosterranno. In questo momento tutti i giochi sono aperti, la cosa peggiore sarebbe quella di ritirarsi dal tavolo di gioco e consegnare tutte le fiches alla destra.   

Magistrato, giudice presso la Corte di Cassazione, Domenico Gallo è impegnato nel mondo dell’associazionismo e del movimento per la pace, è stato senatore della Repubblica ed è attivo nei comitati per la difesa della Costituzione. Saggista, collabora con quotidiani e riviste.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.