Nessun articolo nel carrello

Emergenza Gaza: porre fine alle politiche di oppressione di Israele

Emergenza Gaza: porre fine alle politiche di oppressione di Israele

Mezzo milione di persone senza acqua né cibo a causa degli incessanti bombardamenti israeliani che rendono inaccessibile la Striscia alle organizzazioni umanitarie. Lo denuncia Oxfam in un nota odierna, preoccupata per l’escalation del conflitto tra Israele e Palestina. «Stiamo cercando di riprendere la nostra risposta umanitaria assieme ai nostri partner – ha detto Paolo Pezzati, policy advisor per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia – ma la situazione al momento lo rende quasi impossibile. Servono cibo, acqua pulita, servizi igienici e aiuto per tenere al sicuro i bambini, ma i bombardamenti stanno rendendo troppo pericoloso per chiunque lasciare le proprie case».

Secondo Oxfam, gli attacchi israeliani «hanno colpito il 40% delle infrastrutture idriche» che rappresentano «l'unico modo per le persone che vivono a Gaza di poter aver accesso all’acqua pulita e qualsiasi interruzione crea un disagio immediato».

A causa della guerra contro Gaza, prosegue Pezzati, «tanti, rimasti senza casa, sono stati costretti a trovare riparo in rifugi temporanei e stanno restando senza nulla, mentre devono fare i conti anche con la diffusione del Covid, con gli ospedali che rischiano di restare senza medicinali». Inoltre, «la produzione agricola da cui dipende buona parte della popolazione è ferma: circa 200.000 ettari di terreni al momento sono praticamente inaccessibili a causa del pericolo di attacchi».

«Tante donne e bambini sono stati mutilati e uccisi – conclude Pezzati – La popolazione di Gaza è esausta e ha paura, per questo chiediamo la fine immediata di tutte le violenze ed un cessate il fuoco duraturo. Tutte le parti devono rispettare e aderire ai loro obblighi ai sensi del diritto internazionale umanitario. La comunità internazionale deve intervenire per porre fine all'attuale escalation e alla violazione dei diritti umani in corso. Rimuovendo quindi le cause che l’hanno generata, ossia le politiche di oppressione e discriminazione attuate da Israele, compresa l’occupazione e il blocco sulla Striscia».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.