Nessun articolo nel carrello

America, l'Unicef denuncia: la giungla del Darién un inferno per migranti e bambini

America, l'Unicef denuncia: la giungla del Darién un inferno per migranti e bambini

Il “tappo del Darién” è una foresta tropicale che separa la Colombia da Panama - l’America del Sud da quella Centrale - ed è la via obbligata per i migranti che desiderano raggiungere gli Stati Uniti. Nell’ultimo periodo, il numero di bambini che attraversano l’area è aumentato spaventosamente: finora quest’anno sono stati 19.000. A denunciare il fenomeno, fornendone cifre e dimensioni, è stato, l’11 ottobre scorso, Jean Gough, Direttore regionale dell’Unicef per l’America Latina e i Caraibi.

Un migrante su 5 che attraversa il confine tra la Colombia e Panama, rileva Gough, è un bambino, spesso sotto i 5 anni. "Ogni bambino che attraversa il tappo del Darién a piedi è un sopravvissuto", continua, secondo quanto si legge in un comunicato stampa dell’Unicef.

Per le famiglie entrare nella foresta equivale a fare ingresso in un girone infernale, minacciate dal pericolo di abusi sessuali, tratta ed estorsione da parte delle gang criminali, per non parlare del rischio di contrarre diarrea, malattie respiratorie e disidratazione. "Nel profondo della giungla, la rapina, lo stupro e la tratta di esseri umani sono pericolosi quanto gli animali selvatici, gli insetti e l'assoluta mancanza di acqua potabile. Settimana dopo settimana, altri bambini muoiono, perdono i loro genitori o vengono separati dai loro parenti durante questo pericoloso viaggio. È spaventoso che gruppi criminali si approfittino di questi bambini quando sono più vulnerabili", racconta Gough. In molti si trovano quindi a continuare il viaggio da soli. L’Unicef stima che dall’inizio di quest’anno più di 150 di loro siano arrivati a Panama non accompagnati dai genitori.

"Mai prima d'ora i nostri team sul campo hanno visto così tanti bambini piccoli attraversare il Darién - spesso non accompagnati. Un afflusso in così rapida crescita verso nord dal Sud America dovrebbe essere immediatamente trattato come una grave crisi umanitaria da tutta la regione, oltre Panama", afferma Jean Gough. I migranti, di più di 50 nazionalità, percorrono, per arrivare negli Stati Uniti, una rotta che parte dall’Africa e dall’Asia Meridionale  In particolare, la metà di loro proviene da Haiti, che quest’estate, oltre al colpo di Stato e all’omicidio del presidente Jovenel MoÏse, ha dovuto affrontare un terremoto di magnitudo 7.2, che ha provocato 2.200 morti e più di 12.000 feriti, la distruzione di quasi 53.000 case e il danneggiamento di altre 77.000 . Il 30 agosto l’Unicef individuava tra le conseguenze del terremoto una crisi umanitaria che aggiunge ai 4.4 milioni già bisognosi di assistenza 650.000 persone, inclusi 260.000 bambini.

Lo stesso 11 ottobre L’Unicef ha presentato il Rapporto annuale sull’infanzia intitolato “La condizione dell'infanzia nel mondo 2021: Nella mia mente - Tutelare la salute mentale”.

*Foto di Adriana García presa da Wikimedia Commons, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.