Nessun articolo nel carrello

In Nigeria violenza alimentata da malgoverno:

In Nigeria violenza alimentata da malgoverno: "Famiglia Cristiana" intervista il card. Onaiyekan

La stage di Pentecoste nella chiesa di San Francesco Saverio a Owo, nello Stato di Ondo, sud-ovest della Nigeria (v. Adista Notizie 22/22), è stata «davvero uno shock per tutti i nigeriani, musulmani e cristiani, cattolici e non cattolici». Il cardinale nigeriano John Olorunfemi Onaiyekan (arcivescovo metropolita emerito di Abuja, presidente della Conferenza episcopale nigeriana dal 1999 al 2006, da sempre impegnato per la pace e il dialogo in Nigeria) ha espresso tutta la sua «commozione e indignazione» per i drammatici fatti del 5 giugno scorso in un’intervista a Famiglia Cristiana, pubblicata dal settimanale dei Paolini sul numero da domani in edicola. «Questo massacro non aiuta gli sforzi che stiamo facendo per le buone relazioni tra cristiani e musulmani in Nigeria», spiega il cardinale al giornalista Roberto Zichittella, «ma non dobbiamo fermarci e continuare a impegnarci per coltivare queste relazioni».

Un’aggressione simile, nel sud-ovest del Paese, non era attesa, continuano a ripetere testimoni e osservatori. Anche per questo, forse, nel cuore della città di Owo non era stata predisposta alcuna forma di protezione. Eppure, ricorda il cardinale, «da quasi dieci anni viviamo una situazione di insicurezza veramente preoccupante che non avevamo mai visto prima nella storia della Nigeria. Negli ultimi cinque anni la situazione è diventata terribile. I criminali uccidono dappertutto e quando non arrivano a uccidere prendono le persone in ostaggio per chiedere riscatti».

Insieme ad altri osservatori, l’arcivescovo emerito punta il dito contro le istituzioni del paese: «Fino a qualche anno fa la Nigeria non era così, potevamo affermare che la sicurezza interna era buona (...). Invece adesso non si riesce a garantire un minimo di sicurezza all’interno del nostro Paese. Questo è accaduto per il malgoverno e la corruzione. Le autorità non sono riuscite a fare fino in fondo il loro dovere, che è quello di garantire la sicurezza dei cittadini e quella dei loro beni».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.