Nessun articolo nel carrello

Respingimento dei migranti sulla nave “Asso 28”, appello di EveryOne Group alle Nazioni Unite e alle istituzioni dell'Ue

Respingimento dei migranti sulla nave “Asso 28”, appello di EveryOne Group alle Nazioni Unite e alle istituzioni dell'Ue

La “Asso 28”, nave di una piattaforma petrolifera dell’Eni, ha fatto sbarcare a Tripoli i 108 migranti che aveva accolto a bordo. Su ordine della Guardia costiera libica, hanno detto i ministri Salvini e Toninelli, che negano che il nostro Paese e la nostra Guardia costiera abbiano avuto un ruolo nella rotta della Asso 28 verso le coste libiche. Molto c’è da chiarire, perché se la nave era in acque internazionali - e  i migranti salendo sulla nave italiane si sono trovati automaticamente in territorio italiano - l’accaduto si configura come respingimento di massa in violazione del diritto internazionale e della Costituzione italiana.

È per questo che la sede di Genova di EveryOne Group, gruppo di cooperazione internazionale per la cultura dei diritti umani, ha trasmesso il 31 luglio un appello urgente al Commissario europeo per i diritti umani, all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, alla Corte europea dei diritti umani, esprimendo la loro preoccupazione.

«Ricordiamo che i diritti di chi è costretto a migrare - spiega EveryOne nell’appello - sono riconosciuti dalla Convenzione sullo statuto dei rifugiati, firmata a Ginevra nel 1951. Il diritto a migrare è stato riconosciuto dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani del 1948 agli articoli 13 e 14. Il Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici, stipulato a New York nel 1966, riconosce a “ogni persona il diritto di lasciare qualsiasi Paese, incluso il proprio” e il diritto di “spostarsi all’interno del territorio di uno Stato”. In particolare, l'art. 33 della Convenzione di Ginevra stabilisce che a un rifugiato non può essere impedito l’ingresso sul territorio né può essere deportato, espulso o trasferito verso territori in cui la sua vita o la sua libertà sarebbero minacciate. La corte europea dei diritti umani ha sentenziato che il diritto al non-refoulement va applicato sempre nei confronti del migrante, al di là del fatto che abbia richiesto od ottenuto lo status di rifugiato».

L’appello di EveryOne Group chiede alle istituzioni menzionate di intervenire: a) per ricondurre all’interno dell’Unione europea i 108 profughi, garantendo loro protezione internazionale; b) utilizzando gli strumenti giuridici internazionali per punire i responsabili del refoulement; e c) fare in modo che non avvengano mai più respingimenti di massa.

*Foto di Mstyslav Chernov/Unframe tratta da Wikipedia Commons immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.