Nessun articolo nel carrello

Presentazione della 24.ma Settimana Alfonsiana

Presentazione della 24.ma Settimana Alfonsiana

Gesù, uno scandalo. Allora come oggi

“E beato chi non si scandalizza di me” (Mt 11,6). Queste parole di Gesù – tema della 24ma  Settimana Alfonsiana – sono la risposta a Giovanni Battista che aveva inviato due discepoli a chiedergli di dire se era lui il Messia o bi­sognava attendere un altro. Il Battista era in crisi. Forse non credeva più che Gesù fosse il Messia, che pure lui stesso aveva presentato alle folle con l’immagine dell’A­gnello di Dio. Gesù non presentava i tratti del Messia: scure in mano a recidere il male alle radici, e giudice severo che colpisce senza pietà chi non rispetta la legge di Dio.

In realtà, Gesù operava diversamente, con altro stile. Rappresentava non il rigorismo di Giovanni ma la benignità di Dio. Frequentava e si faceva anche frequen­tare da gente priva di reputazione: pubblicani, lebbrosi, prostitute: neppure condannava le adultere che Mosè aveva ordinato di lapidare. Per questo si convinse, inge­nuamente, di non avere altra scelta che passare la paro­la a Gesù. Il quale rispose, a suo modo: “Andate, disse, e riferite a Giovanni quel che udite e vedete: i sordi odono e i ciechi vedono, gli zoppi camminano e i lebbrosi sono purificati, i morti risorgono e il vangelo è annunciato ai poveri. E beato – concluse – chi non si scandalizza di me” (Mt 11,4-6). Giudichi da sé, il Battista, se questi non sono segni dei tempi messianici.

Tutto si gioca su Gesù che scandalizza per avere detto: “Beati i poveri”. E perché praticava e invitava a pratica­re la compassione la pietà la misericordia il perdono. Tutti beni evangelici che nel cristianesimo hanno sem­pre fatto problema. Lo fanno ancora oggi. L’occidente cristiano infatti si sgretola – si estingue – se non rie­sce a accogliere i poveri, gli immigrati, gli stranieri che, come insegnano il Vangelo e papa Francesco, sono il volto carnale di Dio. Il cui unico comandamento è di condividere il proprio benessere con i poveri. Nessun dubbio: se si chiude ai poveri si chiude a Dio. O non è stato Gesù a dire: “Guai a voi ricchi” se non vi prendete cura, secondo giustizia, dei poveri?

Quest’anno ricordiamo la forza gentile di don Giuseppe Puglisi, il parroco di Brancaccio che servì la sua gente – ricca di dignità umana – dicendo No al potere crimi­nale della mafia. Venticinque anni fa lasciò alle città e alle chiese siciliane un immenso patrimonio di fede e di passione per la giustizia l’accoglienza la solidarietà.

Don Puglisi, un uomo che non si scandalizzò di Gesù.

 

24ma SETTIMANA ALFONSIANA

PALERMO 22/30 SETTEMBRE 2018

per informazioni Padri Redentoristi via Badia 52 90145 Palermo TeleFax 091228317 rivistasegno@libero.it segno@rivistasegno.it 

 

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.