Nessun articolo nel carrello

Salviamo i bambini: stop alle armi italiane in Yemen. Perizione

Salviamo i bambini: stop alle armi italiane in Yemen. Perizione

“Stop alla vendita di armi italiane usate contro i bambini in Yemen. Firma la petizione”. È la campagna che sta portando avanti Save the Childrenhttp://https://www.savethechildren.it/ (Organizzazione non governativa riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri) che è stata finora sottoscritta da 90mila persone. La Ong preme ora perché si raggiungano le 100mila sottoscrizioni (utilizzando questo link, dove è anche analizzata ampiamente la situazione yemenita) «per far sentire con ancora più forza la nostra voce». La petizione è stata lanciata il 13 maggio alla  presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e tantissimi partner, istituzioni, volontari e donatori.

«Insieme ad altre Organizzazioni impegnate in questa stessa battaglia – afferma la ong – abbiamo chiesto un incontro al premier Conte per consegnare queste firme e siamo in attesa di una risposta».

«Abbiamo già ottenuto una piccola vittoria – scrive Save the Cildren – mobilitandoci insieme a tante associazioni liguri e nazionali per impedire che una nave saudita facesse un ulteriore rifornimento di armi in Italia, con il rischio che fossero poi utilizzate contro i bambini in Yemen», dove «milioni di bambini stanno vivendo orrori indescrivibili», «colpiti per strada, bombardati mentre sono a scuola», bambine e bambini a cui «è negata un’infanzia. Rimasti orfani, senza più una casa, senza più i propri cari», anche a causa delle bombe fabbricate in Italia e vendute alla Coalizione Saudita. «Tutto questo è inaccettabile». «Ecco perché - è il rinnovato appello della Ong - ti chiediamo di firmare ora per fermare immediatamente la vendita di armi italiane usate contro i bambini».

* Immagine originale e licenza, tratta da Pixabay License

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.