Nessun articolo nel carrello

Campagna “Ero straniero”: nuove regole per i lavoratori stranieri

Campagna “Ero straniero”: nuove regole per i lavoratori stranieri

ROMA-ADISTA. Si terrà il prossimo 10 marzo, alla Camera dei deputati, un incontro fra aziende, attivisti, rappresentanti sindacali per discutere in modo specifico dei temi del lavoro delle persone immigrate, promosso dalla campagna “Ero straniero”, che punta a superare la legge Bossi-Fini e puntare su accoglienza, lavoro e inclusione (“Ero straniero” è una campagna promossa da: Radicali Italiani, Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, ACLI, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto, CILD, Oxfam Italia, ActionAid Italia, Legambiente Onlus, ASCS – Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo, AOI, FCEI – Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia).

«La campagna “Ero straniero” si è impegnata in questi anni ad approfondire due ambiti fondamentali nella gestione delle migrazioni, messi in secondo piano negli anni scorsi nel nostro Paese rispetto agli sbarchi e all’accoglienza: la programmazione di canali di ingresso per lavoro, con l’incontro tra domanda e offerta, e l’inserimento attivo nella società della popolazione straniera già presente nel nostro Paese. Con l’obiettivo di elaborare soluzioni ragionevoli e a lungo termine a tali questioni – spiegano i promotori –, è nata una proposta di legge di iniziativa popolare, frutto del lavoro e dell’esperienza di tante realtà, dal titolo “Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari”, depositata con oltre 90.000 firme alla Camera dei deputati il 27 ottobre 2017 e ora all’esame della Commissione affari costituzionali. Sono misure concrete, realizzabili e di buon senso, che porterebbero benefici a tutta la collettività, in termini di opportunità, diritti, legalità. Per questo, il 10 marzo vogliamo confrontarci con il mondo produttivo italiano che in più occasioni, in questi anni, ha sottolineato i limiti e l’inefficacia dell’attuale sistema di gestione dell’immigrazione, a cominciare dalla poca flessibilità, dall’elevata burocrazia e dalle difficoltà nell’andare incontro, realmente, al fabbisogno di manodopera».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.