Nessun articolo nel carrello

"Per un futuro più giusto": l'Assemblea della Rete Italiana Pace e Disarmo

Ad un anno dalla nascita – o meglio dalla “fusione” tra Rete della Pace e Rete Italiana per il Disarmo – la Rete Italiana Pace Disarmo convoca le 70 organizzazioni aderenti ad un’Assemblea di due giorni (17 e 18 settembre) per confrontarsi su questo primo anno di cammino, per fare il punto sulle numerose campagne promosse e «per tracciare il futuro del movimento pacifista». L’evento avverrà in modalità mista, in presenza a Roma e online.

Il primo anno di vita della Rete è stato segnato in modo particolare da «dalla elaborazione del documento per il Governo con 12 proposte di contributo al processo di formazione del programma “Next Generation Italia” del Pnrr. Sono queste le linee principali sulle quali la Rete si è mossa con proposte precise, concrete e realizzabili: superare la visione nazionale per una politica estera che guardi all’Europa come “potenza di pace”, la riconversione per un’economia disarmata e sostenibile, la difesa civile non armata e nonviolenta, il servizio civile universale, l’educazione alla pace dall’infanzia all’Università».

Le campagne, le iniziative e le occasioni di sensibilizzazione, intorno alle quali la Rete resta mobilitata in Italia sono tante e importanti: si va dalla riduzione delle spese militari al controllo dell'export di armi made in Italy, dalla difesa della Legge 185/90 al monitoraggio della circolazione di armi leggere nel Paese, fino agli interventi civili di pace nei conflitti in corso.

La Rete Pace e Disarmo partecipa anche a campagne e iniziative internazionali, come la Global Campaign on Military Spending, la mobilitazione dell’ICAN per la messa al bando della armi nucleari, le campagne IoAccolgo, Pace nel Mediterraneo e Pace Giusta e tra Israele Palestina, la Campagna Control Arms, la Rete ENAAT sul commercio di armi, la campagna Stop Killer Robots o quella INEW contro le armi esplosive…

Una lunga lista di iniziative che testimoniano, dice la Rete, «la volontà chiara da parte della società civile italiana di mettersi in gioco per la costruzione della Pace che parta da Disarmo e Nonviolenza, e della possibilità di ottenere risultati concreti con il lavoro collettivo dei movimenti (dipinti spesso come divisi e frammentati ma in realtà capaci di coordinarsi al meglio su proposte serie e ben strutturate)».

Ulteriori info sull'Assemblea e sulla Rete

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.