Nessun articolo nel carrello

Le Autorità Religiose internazionali premono sui governi perché fermino i conflitti armati

Le Autorità Religiose internazionali premono sui governi perché fermino i conflitti armati

Il 27 novembre leader religiosi di tutto il mondo si sono riuniti a Jakarta in un summit per affrontare le situazioni di guerra in atto in Medio Oriente e in altre parti del pianeta. Di seguito il documento finale che hanno sottoscritto.

Vertice Internazionale delle Autorità Religiose (International Summit of Religious Authorities - ISORA)

Il ruolo della religione nell'affrontare la violenza in Medio Oriente e le minacce a un ordine internazionale basato sulle regole Analisi e Call to Action:

1 Considerando che il 27 novembre 2023 i leader religiosi di tutto il mondo si sono riuniti a Jakarta, in Indonesia, per il vertice internazionale delle autorità religiose R20 (ISORA), per esaminare il ruolo della religione nell'affrontare la violenza in Medio Oriente e le minacce a un ordine internazionale basato su regole;

2 Considerando che Sua Eccellenza Joko Widodo, Presidente della Repubblica di Indonesia, ha aperto ufficialmente il Summit ISORA e ha pronunciato un discorso in cui ha ringraziato "tutti i delegati di R20 ISORA per aver lavorato attivamente con l'Indonesia per aiutare a colmare le differenze e sostenere la pace e la sicurezza internazionali. Perché è inconcepibile che nel mondo ipermoderno di oggi, civili, donne e bambini siano apertamente massacrati, e le guerre continuino a infuriare incontrollate";

3 Considerando che la religione non riguarda solo i veri e falsi dèi o credenze, ma anche intuizioni morali e spirituali che ci spingono a realizzare un futuro migliore per tutta l'umanità;

4 Considerando che in passato le religioni hanno spesso funzionato – o sono state fatte funzionare – come base per consolidare gruppi identitari distinti in un contesto di violenta competizione "tribale", che un tempo era parte integrante del costrutto delle società umane e delle civiltà in tutto il mondo;

5 Considerando che l'accelerazione della globalizzazione e gli sviluppi della tecnologia militare hanno reso intollerabile la competizione violenta tra gruppi identitari, a causa della difficoltà di contenere tali conflitti e di limitare la carneficina scatenata dalle armi di distruzione di massa;

6 Considerando che la globalizzazione rende impossibile per le comunità identitarie isolarsi dal resto dell'umanità;

7 Considerando che gli insegnamenti religiosi che affermano la necessità di difendere determinati gruppi identitari escludendone altri non sono più rilevanti e possono anzi minacciare la sicurezza e il benessere della civiltà globale nel suo complesso;

8 Considerando che la tendenza diffusa nelle società moderne a prendere le distanze dalla religione e a considerarla non più pertinente, è spesso legata al rifiuto degli insegnamenti religiosi che incoraggiano i gruppi a consolidarsi sulla base di un'identità condivisa ed esclusiva;

9 Considerando che le autorità religiose sono, pertanto, moralmente obbligate a "universalizzare" le dimensioni etiche e umanitarie dei loro insegnamenti religiosi, al fine di garantire che le religioni rimangano rilevanti nel contesto della realtà contemporanea, e in modo che gli appelli religiosi possano essere universalmente accettati, o almeno tollerati;

10 Considerando che, all'indomani della prima guerra mondiale, è emersa tra i leader mondiali la consapevolezza dell'urgente necessità di sviluppare un ordine mondiale in grado di neutralizzare i conflitti e di garantire la pace e la sicurezza internazionali, che è stato parzialmente realizzato dopo la seconda guerra mondiale sotto forma di consenso internazionale rappresentato dalla Carta delle Nazioni Unite, dall'istituzione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite nel 1945 e dall'adozione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani da parte dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1948;

11 Considerando che questo consenso internazionale postbellico incarna e riflette – e fornisce anche una struttura politica per la realizzazione – i valori più fondamentali e nobili promossi da tutte le religioni, tra cui rahmah (amore e compassione), giustizia e uguaglianza;

12 Considerando che, pertanto, è eminentemente possibile per le religioni riconoscere i principi di questo consenso internazionale e incorporare tali principi nei loro rispettivi insegnamenti e visioni del mondo;

13 Considerando che vi è un urgente bisogno di universalizzare gli insegnamenti etici e umanitari delle religioni – in particolare quelli riguardanti il trattamento umano dei propri compagni di fede – e affermare che tutti gli esseri umani, senza eccezione, hanno il diritto di beneficiare dell'applicazione di tali insegnamenti, tra cui l'amore, la compassione, l'uguaglianza e la giustizia;

14 Considerando che il raggiungimento di questo obiettivo comporterà l'identificazione di valori condivisi e l'instaurazione di reciprocità tra i diversi popoli, culture e religioni del mondo, in conformità con i più alti standard morali abbracciati dalle nostre rispettive tradizioni;

15 Considerando che le autorità religiose hanno la responsabilità morale e spirituale di garantire che le rispettive fedi servano come veicoli di comprensione reciproca e di riconciliazione, piuttosto che perpetuare l’atavico ciclo di odio, tirannia e violenza basati sull'identità;

16 Considerando che il consenso internazionale contenuto nella Carta delle Nazioni Unite, nell'Organizzazione delle Nazioni Unite e nella Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo fornisce l'unico quadro attualmente esistente e praticabile per risolvere i conflitti basati sull'identità, compresi quelli che si verificano tra le religioni e la violenza perpetrata in nome della religione;

17 Considerando che l'incapacità degli attori globali di rispettare e sostenere il consenso internazionale del secondo dopoguerra, come sancito dal quadro delle Nazioni Unite e della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, è una delle cause principali dell'instabilità e dei conflitti in tutto il mondo;

18 Considerando che le autorità religiose – agendo al servizio di Dio e dell'umanità – dovrebbero collaborare con perseveranza e decisione per convalidare, preservare e rafforzare il consenso internazionale del dopoguerra ed esigere coerenza da tutte le parti nella sua applicazione;

19 Considerando che non è sufficiente che questi sforzi si limitino ai soli appelli religiosi tradizionali, che devono essere completati da una strategia deliberata e a lungo termine per mobilitare il potere collettivo della religione – compreso il sostegno di persone di tutte le fedi – in un movimento congiunto per raggiungere questo nobile obiettivo;

20 PERTANTO, esortiamo le autorità religiose di ogni fede e nazione a mobilitare il potere e l'influenza delle rispettive comunità per influenzare i gruppi decisionali; fermare i conflitti armati che imperversano in Medio Oriente, Europa, Africa Subsahariana e altre regioni del mondo; sviluppare meccanismi efficaci di dialogo e negoziazione che possano portare alla risoluzione pacifica di tali conflitti; ed esortiamo ad unirsi al Nahdlatul Ulama e al G20 Religion Forum (R20) per espandere e rafforzare il Movimento globale per i Valori di Civiltà Condivisa.

Jakarta, 27 novembre 2023

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.