Nessun articolo nel carrello

Don Antonio Maione e la sua comunità per la rinascita di Riace

Don Antonio Maione e la sua comunità per la rinascita di Riace

«Errore diffuso tra gli uomini è considerare illegale ciò che la natura concede generosamente: la vita nella molteplicità delle sue forme. A Riace ha preso forma una vita. La legge non ha alcun diritto di sopprimerla. Fondamento del diritto è accompagnare la vita nella sua direzione lungo il percorso evolutivo. Ogni impedimento è abuso di potere. In una società dove l'abuso è norma, ogni opposizione è ripristino di diritto. Ti pare che pensa male chi crede che un filo d'erba vince sul cemento armato?! Per questo aderisco pienamente al movimento sorto a Riace». Lo scrive ad Adista don Antonio Maione, che assieme all’associazione “La mano sulla Roccia”, di cui è presidente, ha aderito tra i primi alla Fondazione “È stato il vento”, per la rinascita di Riace e che coinvolge una rete di associazioni e movimenti che va dalla Rete dei Comuni Solidali all’Asgi, l’Associazione studi giuridici sull’immigrazione, e che coinvolge figure come il missionario comboniano Alex Zanotelli, i magistrati Livio Pepino ed Emilio Sirianni, il medico Felicetta Parisi e la scrittrice Chiara Sasso. 

A Napoli, P. Antonio Maione anima da anni un gruppo di persone sui temi biblici ed ecclesiali, sul rapporto tra fede e politica, ma anche su arte, psicologia e temi sociali. E anche quest'anno ha iniziato una catechesi ribattezzata "Incontri di formazione per il raggiungimento della felicità". Il corso mira ad aiutare le persone a realizzare un incontro autentico con Gesù Cristo che, lungi dal voler fondare una nuova religione, esortava a "rinascere", cioè a porsi coerentemente nel percorso evolutivo ontogenetico e filogenetico. Constatato l'enorme divario che si allarga sempre più tra scienza e tecnologia che avanzano rapidamente, e una teologia ancora basata su dogmi e definizioni che poi sfociano in un linguaggio liturgico obsoleto che crea non pochi disagi alle persone munite di senso critico e il loro conseguente allontanamento dalla Chiesa e da Gesù Cristo, questi incontri risultano essere un valido aiuto per sottrarsi ad una sorta di massificazione religiosa che, sommata a quella societaria, priva le persone della possibilità di pensare e realizzarsi ciascuna come essere unico ed irrepetibile tendente, appunto, alla felicità.

L'intento è, quindi, quello di riflettere sull'essenzialità della fede liberata da tante sovrastrutture religiose mediante una rilettura e una riscoperta del Vangelo.

Per maggiori informazioni: www.lamanosullaroccia.it/

 

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.