Nessun articolo nel carrello

Vescovo fiammingo: sulla

Vescovo fiammingo: sulla "benedizione" alle coppie omosessuali il papa la pensa come noi

«Ho parlato personalmente con il Papa, e so cosa ne pensa. E so che le nostre linee guida per la benedizione delle coppie omosessuali, che abbiamo recentemente pubblicato, sono in linea con Papa Francesco». Parola di mons. Johan Bonny, vescovo di Anversa (nel Belgio settentrionale di lingua fiamminga) che, in un’intervista rilasciata a Katholisch.de, chiude la polemica sollevata dalla decisione dei vescovi fiamminghi di “benedire” le coppie omosessuali. In realtà non di una benedizione in senso proprio si tratta: il documento dei vescovi fiamminghi emesso il 20 settembre parla dell’accoglienza delle persone omosessuali e di un rito che, in qualche modo, possa costituire una sorta di “impegno di coppia” davanti a Dio. Che poi - per brevità, si può supporre - lo stesso Bonny definisce come “benedizione”.

Si tratta, in ogni caso, di una iniziativa dirompente – sottolineavamo su Adista Notizie n. 33/22  – che porta alla luce, ufficializzandola, una questione sulla quale da più parti, soprattutto nella Chiesa di lingua tedesca, le Chiese locali si muovono ormai in “disordine sparso”.

Proprio del Cammino sinodale tedesco mons. Bonny è, fra i vescovi belgi, delegato “osservatore”. Ed è un’iniziativa che egli apprezza. Nell’intervista afferma: «Con il Cammino sinodale hanno fatto qualcosa che noi in Belgio non avevamo fatto prima. Hanno portato alla luce tutti i problemi della Chiesa che prima erano stati nascosti sotto il tappeto. Di conseguenza, le differenze stanno venendo alla luce. Ma questo non è male. Ho detto ai vescovi che è una virtù germanica in senso buono. Nell'Europa meridionale non sono ancora arrivati ??a quel punto» e non c’è nulla di strano perché, sostiene, che «le stesse questioni non è detto che possano essere discusse nello stesso momento in tutto il mondo».

*In primo piano, mons, Johan Bonny. Foto tratta da upload.wikimedia.org, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.