Nessun articolo nel carrello

Libertà e giustizia

Tratto da: Adista Segni Nuovi n° 45 del 25/04/2009

Agli amici che hanno sottoscritto o condiviso il manifesto “Rompiamo il silenzio”.

Torniamo a farci sentire perché le vostre firme sono state numerose, oltre 200 mila quelle raccolte via web, più di un migliaio quelle che sono state assemblate su carta, riunione dopo riunione, dai circoli di Libertà e Giustizia, dalle associazioni amiche, dal passaparola dei cittadini.

Le iniziative fervono: anche a Londra e a New York il nostro manifesto è stato tradotto e distribuito nelle università, nei centri di cultura.

In Italia non abbiamo mai smesso di parlarne. Una grande condivisione che ci ha aiutato a mostrare quanto sia fragile, oggi, il nostro assetto istituzionale e quanto importante sia il lavoro quotidiano per rafforzare i valori della democrazia.

Ma non basta: la crisi di legittimità della democrazia è sotto gli occhi di tutti, la deriva oligarchica della rappresentanza anche. La distanza tra cittadini e Parlamento è quasi abissale; il deficit di rappresentatività del corpo legislativo è stato più volte riconosciuto dal Presidente della Repubblica.

“Se non ora, quando?”, per dirla con Primo Levi. In un momento che ci sembra particolarmente difficile, segnato come è da una doppia crisi, economica e istituzionale, gli attacchi alla Costituzione sono continui. L’elenco dei diritti violati è riassunto nel Libretto nero della democrazia che aggiorniamo sul sito di LeG di volta in volta. Scorrerne i titoli ci pare renda il senso dell’insofferenza verso i principi fondamentali della Carta.

Siccome con noi vi siete riconosciuti democratici in allarme, vi chiediamo di non abbassare la guardia, e a chi non l’abbia ancora fatto di contattarci agli indirizzi mail che corrispondono alla regione in cui, ciascuno di voi risiede e può darsi da fare. Confermateci la vostra disponibilità inviandoci una mail indicandoci nome, cognome, città e numero di telefono. Facciamo rete, fatevi coinvolgere.

Libertà e Giustizia: www.libertaegiustizia.it

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.