Nessun articolo nel carrello

UN NUOVO CONCILIO PER SRADICARE LA PEDOFILIA DALLA CHIESA. APPELLO DI TRE VESCOVI AUSTRALIANI

Tratto da: Adista Notizie n° 22 del 15/06/2013

37199. SIDNEY-ADISTA. Non sono nuovi a prese di posizione forti, e fuori dal coro, i tre vescovi australiani che hanno lanciato una petizione per un Concilio Vaticano III che affronti di petto lo scandalo degli abusi sessuali da parte del clero. Ma stavolta mons. Geoffrey Robinson, mons. Pat Power e mons. William Morris – tutti e tre in pensione – puntano dritto al cuore della Chiesa indirizzando il loro accorato appello, che in poco tempo ha raggiunto più di 20mila firme, direttamente a papa Francesco.Tre sono, secondo Robinson e compagni, gli strumenti principali per sradicare la piaga degli abusi dalla Chiesa: identificare e rimuovere i colpevoli; assistere tutte le vittime; individuare e risolvere le cause all’origine sia degli abusi che dell’inadeguata risposta al problema da parte della Chiesa. Un compito che, secondo i tre, solo un nuovo Concilio, con una massiccia partecipazione di laici, può assolvere. «La situazione è così grave – si legge nel testo della petizione, cui si può dare la propria adesione sul sito change.org – da indurci a invocare un Concilio ecumenico per cercare di fare tutto ciò che è possibile per sradicare dalla Chiesa tali abusi e per dare una risposta adeguata alle vittime. Fondamentale in questo senso – prosegue l’appello – è che i laici abbiano un peso maggiore all’interno del Concilio e che si discuta di alcune questioni». Quali? «La persistente influenza dell’idea di un Dio arrabbiato; l’immaturità che nasce dall’obbedienza passiva negli adulti; gli insegnamenti della Chiesa in materia di morale sessuale; il ruolo giocato nella questione abusi dal celibato, in particolare dal celibato obbligatorio; la mancanza di una influenza femminile forte in ogni aspetto della Chiesa; l’idea che, attraverso l’ordinazione, il sacerdote assurga a un rango superiore rispetto alle altre persone; la mancanza di professionalità nella vita di preti e religiosi; le situazioni malsane in cui molti preti e religiosi sono costretti a vivere; la passione, nella Chiesa e specialmente in Vaticano, per la segretezza e per l’occultamento dei difetti; il modo in cui la protezione dell’autorità papale è stata anteposta allo sradicamento degli abusi».Questa petizione, spiegano i tre, «darà ai cattolici una voce collettiva»: mostrerà al nuovo papa che «l’intera Chiesa vuole aiutarlo, lavorare con lui su una questione così importante. Vogliamo che il nuovo papa guidi la Chiesa nel futuro che lui e tutti i cattolici desiderano e di cui il mondo ha bisogno». «Firmando questa petizione – è l’invito di mons. Robinson, mons. Morris e mons. Power – rafforzerai ogni gruppo cattolico che invoca il cambiamento. Darai il tuo contributo nella creazione di qualcosa di speciale: la voce dei fedeli. Aiuterai a creare una Chiesa per il futuro, libera dagli abusi sessuali, aperta alla partecipazione e inclusiva». «Questa è la voce che vogliamo il Vaticano ascolti».Come sarà accolto questo appello ancora non si sa. Fino ad oggi i tre più che ascoltati sono stati osteggiati. Mons. Robinson, vescovo ausiliare di Sydney dal 1984 al 2004, è incorso in dure contestazioni a seguito della pubblicazione del libro Confronting Power and Sex in the Catholic Church: Reclaiming the Spirit of Jesus (“Potere e sesso nella Chiesa cattolica: ritrovare lo Spirito di Gesù”): un’analisi rigorosa e severa dell'organizzazione della Chiesa e della sua grave crisi interna, a cominciare, appunto, da quella legata allo scandalo degli abusi sessuali (v. Adista Documenti nn. 16 e 22/12 e Adista Notizie nn. 13/12, 39/08 e 70/07). E probabilmente non andrà meglio al libro che ha appena dato alle stampe, dal titolo For Christ’s Sake: End Sexual Abuse in the Catholic Church… for Good (“Per amore di Cristo: fermiamo gli abusi sessuali nella Chiesa cattolica… per sempre”). Mons. Morris, ex vescovo della diocesi di Toowoomba, è stato costretto alle dimissioni per aver ipotizzato la ripresa della discussione sul sacerdozio femminile e per aver concesso la celebrazione di confessioni comunitarie (v. Adista Notizie nn. 5/12, 37 e 39/11). Quanto a mons. Power, questi ha rassegnato le sue dimissioni da vescovo della diocesi di Canberra nel giugno del 2012, con un lustro di anticipo rispetto ai canonici 75 anni. Dimissioni che Benedetto XVI ha prontamente accolto. (ingrid colanicchia)

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.