Nessun articolo nel carrello

Respingimenti per delega: un ricorso alla Corte Europea dei Diritti Umani contro l'Italia

Respingimenti per delega: un ricorso alla Corte Europea dei Diritti Umani contro l'Italia

Un gruppo di Ong e associazioni per i diritti dei migranti – Global Legal Action Network, Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione (Asgi), l'agenzia indipendente di ricerche Forensic Oceanography/Forensic Architecture, Yale Law School (Stati Uniti), Arci e l'Ong tedesca Sea Watch – ha sostenuto e affiancato 17 nigeriani nella redazione di un ricorso presentato alla Corte Europea dei Diritti Umani (Cedu) contro l'Italia per il respingimento del 6 novembre 2017 che ha provocato la morte di 20 naufraghi e numerose violazioni dei diritti umani in terra africana. Quel giorno, un gommone alla deriva, con 130 migranti a bordo, è stato abbordato dalla nave della Ong tedesca Sea Watch, ma l'operazione di salvataggio è stata interrotta e ostacolata da una motovedetta libica (donata pochi mesi prima dal governo italiano), coordinata dal Centro di Coordinamento Marittimo (Mrcc) della Guardia Costiera italiana. Dei 130 naufraghi, 20 sono morti in – secondo le associazioni a causa dell'intervento maldestro di Tripoli – e 47 dei sopravvissuti sono stati riportati dalla motovedetta in terra libica dove, come ricostruito in un rapporto di Forensic Oceanography (ramificazione dell'agenzia Forensic Architecture presso la Godsmiths University di Londra), avrebbero subito detenzione in condizioni inumane, stupri, estorsioni e fame. Un paio di loro sarebbero stati persino venduti e torturati con l'elettrochoc. Tra i ricorrenti ci sono anche due genitori che hanno perso i figli durante le operazioni.

Il ricorso contro il governo italiano, presentato al tribunale dell'Unione Europea, è stato il tema in oggetto della conferenza stampa di ieri, promosso dai rappresentanti delle realtà firmatarie presso l'Associazione della Stampa Estera, nel corso della quale è stato distribuito e presentato il rapporto di Forensic Oceanography/Forensic Architecture.

Le responsabilità legali di queste morti e violenze sono da attribuire, secondo i ricorrenti, al Belpaese il quale, in seguito agli accordi con la Libia, coordina le attività di intercettazione e respingimento in mare dei migranti. «Le autorità italiane hanno appaltato alla Libia quello che a loro era proibito, secondo gli obblighi nel campo dei diritti umani. Stanno mettendo delle vite in pericolo, esponendo i migranti a forme estreme di maltrattamento by proxy attraverso il sostegno, il mantenimento e la coordinazione dell’operato della sedicente “Guardia Costiera Libica”», ha sottolineato in conferenza stampa la consulente legale di Global Legal Action Network (Glan), Violeta Moreno-Lax.

Per l'agenzia di ricerche della Godsmiths University questo ricorso alla Cedu racconta solo uno dei numerosi casi di intercettazione e respingimento in mare in cui l'Italia, con il sostegno europeo, delega alla Libia il “lavoro sporco” di controllo delle frontiere, ben consapevole delle diverse forme di violazione dei diritti cui vanno incontro i migranti respinti, tanto in mare quanto in terra africana.

* foto di  Irish Defence Forces, tratta da Flickr, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.