Nessun articolo nel carrello

"Per festeggiare il 1° maggio firma contro lo sfruttamento della filiera agricola nei supermercati"

Oxfam Italia ha avviato la campagna #AlGiustoPrezzo, con la quale chiede una «firma per un cibo equo e giusto, libero dallo sfruttamento», perché «uomini e donne» che lavorano «nelle filiere agricole sono troppo spesso i protagonisti di una storia fatta di diritti negati, sfruttamento nei campi, caporalato, lavoro sottopagato». A monte di questa situazione, denuncia la Oxfam, c’è il sistema dei spermercati, i quali «in Italia controllano quasi il 75% di cibo e bevande vendute e le loro politiche sui prezzi hanno un impatto fortissimo su tutti i passaggi della filiera». Per questo, «con la campagna “Al giusto prezzo” chiediamo ai supermercati italiani di assumersi la responsabilità della tutela dei diritti di chi lavora nelle proprie filiere e di impegnarsi per una maggiore trasparenza».

«Abbiamo analizzato – informa il comunicato – le politiche dei maggiori 5 supermercati italiani, Coop, Conad, Gruppo Selex, Esselunga ed Eurospin, e abbiamo scoperto che nessuno di loro sta facendo abbastanza per eliminare lo sfruttamento dai prodotti che vendono e garantire migliori condizioni di vita e di lavoro alle migliaia di persone coinvolte nei processi produttivi. In particolare, il loro impegno per i diritti delle donne lavoratrici agricole è pari a zero».

«Il 1° maggio, la Festa dei lavoratori, per chi lavora per produrre il cibo che troviamo nei supermercati c’è ben poco da festeggiare», considera la Oxfam che sollecita a firmare (qui). La meta è di 10mila sottoscrizioni, non lontne peraltro dalle 8mila e passa già ottenute. (Informazioni: Oxfam Italia  - Via Concino Concini, 19 - 52100 Arezzo - 800 99 13 99 - sostenitori@oxfam.it)

 *Foto di Pubblico Dominio, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.