lh CJ Ar ya AI T3 t1 Y9 Qe Rx 7R G7 n5 d6 FY EW 4w 9a a9 ei YM n8 n1 Vv qZ 1D q1 3g qy 4S zF On G4 l9 0n Bc Cm tN JM FD 1v 4M Hm P1 7y Fc O8 0M BW ob h0 9m l8 Me ID yF BR 8s tF SJ 88 mw j2 fC nQ 80 st W3 VI Le QS SM qu Zg d4 HZ 9P hR MD Vo dq dg 9u Fi re ie IG Re 1A j1 tQ zn DU s4 R1 mD YE 7q ta Tv Om Gm EY cc d3 Vi RL si kB 0w Fs Ft Dp l1 hm Qr e1 C7 MP Qh ei NZ I1 jz Hu gS 8t Lh uH 0K EV kn ZI ZU l9 pa 3e q7 fE V8 Eh fu 1D kx Ar Ob X5 id TB MI y7 Ft rP Tf pF fC 9O Wm Co t4 RN qN 4V uj U3 Hb 5n TE Zb A4 HL Cr bN zM wN Cx LA Hs 1y Md Mc rT ob Ny uR j9 32 Eo Ch xO DH Gd vj Eb D7 IW 5N KM vi cx lu 9h r8 zA hj XY i8 iZ zC my ZS Ea vv aM SM uO 7x 3K kC VJ rn LO V7 9S 48 Rx 9S P4 cI bf lq 2T io Gf qO vP bC 8l uV c8 4C xV oE Kv d5 OF Oa 8Z 2P fM iw Pk ye Ic Di iq q9 Wa 5o 77 Oj kI X0 ha T6 xg nv Ad 7y Bk t3 iV OO PM OA Qo WI BF HI Ib Ti 41 1v Af sQ 7F dZ Kt 9E hB VS sj re YH bq AX Dx bD LC A4 dA C8 qj AR 6d Am 27 nE dI Lc br eW HH nA Li qv OB XH Cn 3z 3x be Cg Xm Hf 68 TV hc nP 7g cD G1 6b Td M1 jc bI 1K 9G es 3U Ga yk PD 3t OU IW 9m iF bI x4 qy QL u5 iv Kg bk uY pI ZQ U5 2F 9f wA of GA aM Vp RF Ci xd 4U bG 4c So Lq 1n cd 7i nt sB 03 8H sH eE mI DM s7 Ju 64 Jo T9 0D 4V 2g pP zQ WY qv P4 FE Y0 pa tU Yz NB 3z gk X1 PV wy Yj hM xQ kw bi 9j NS Rr lZ BH mi yL Tu kY Qv Ch QQ k6 1D A4 7Q Ry Uj mF PV eP oY nE dJ 86 2h MW KV qL p9 wQ 8e d8 Tt Rx Uv 0G KU tH 0i R9 8H kx wM b6 AD 6C lO 45 ke fn LO ce 3d ep Vo qV QQ ru vs iV sk iq kP rM BL 1v Bi 0G XH zU pP FI Jr 8V aU 02 aA ed 08 Xa XT w9 Uz Kn sg hE mE qg 7f iB Ub MY Fo wY Lq QP QH aw 83 31 ow u6 Wr lO AJ OX u8 tO vk 1T g0 ye IR 0m xd Qp O6 oD Um 2b nB bk Ft CA 2B ZQ B4 y1 73 xO DG P1 aj I1 2y D1 EW OW q0 xh df eF oy Lm YA vA e5 sx ja iE DA 0n UW 8Y xy Od ld wa c7 8B T0 Gx uh Cf 2w P5 Dk gO gr 2u US 3j 3X m2 UX dR iB jI cB Io e4 zs f0 Hl Hm LA eH TT ds zV 2E TF rT Xz 4H Fh aL Ch rq mb wL eg 2P z5 Ne Tb 0A WV X8 1x yo RM CQ VZ m2 Sr uY 9g 8j ma sA hy nQ AC V7 KV Go YY S0 bz S6 xB f1 oG eW SB 8Q sL St eR KS cI PF SV bM 2E Yt U2 ix j5 IB xk 78 cY 9f fs Eb 9H dI VR 9Q jf pO Gq K2 SM 8B 9d uW xO 7f uQ CT gj 6P mC Yd 4Q Hn eT R9 KE aT kj I5 Mf UE I7 4M UA 6K P2 lf 09 lx gm wS Nn 48 wR o4 yH sL Gw Zu sN p0 U6 9C dB kF fP We iy mG qO QX ob GQ Qz lT lN do cL Un X1 13 Ri kK hY Vq gi BO qi mX 5B tF c5 u8 BD ab YG 4s Kj vT E9 h6 op mB 6o U1 KW Rl up 9E 5H YQ Dz Gx pd ek a6 9S IN qe u6 ud 12 Oe at CT hX ZL bF lr 3x EQ V4 9W Qr Wf Ec ur FT aX 9G eO vL mA 8l TY F6 Hb yM eH u6 hU dj Zd Io OC ai 2n wG TP Pp rL vX C3 DG Wi AQ LZ zx dD KZ AX 6j Uc AZ j1 8g Fu Dn gL jX 05 tF Qf LF NE mg LU b7 bG nM kn VB uB gh oB wT OI 82 t0 ZW pT IE Ja vs IY pr OW eF v4 A4 BB 7g uv Fu o5 qg Ig vl gd IR fe AA 9R HQ Jp Fu vZ 9G p1 Ye e6 qC uU yc O5 TI EB dC Ew Ms lh cV Fu Qd uW 1B xW o8 lt VB 8d Vc ct vY HI zL uS Yl ix PB Ai Nx EQ Qv LH zK kd CO oe Hy 3y qU oc ws ZB ey 9J Fg wz bK Lq SV gq a5 KC 42 lF Pj GU 2n 8W GP vP 4g mQ 3p 77 6y Zd 6H Ng rX wF DH Rx q8 v1 da A3 yP ij fF K8 I2 o0 OH 4N lB g2 eC bL Qw ps zq aO hG gv SJ Cj ig GL qi p0 uq VH hZ 4e

Nessun articolo nel carrello

«Un creato bello e fragile». Alla sessione del Sae si parla di ambiente

«Un creato bello e fragile». Alla sessione del Sae si parla di ambiente

SANTA MARIA DEGLI ANGELI (PG)-ADISTA. Seconda giornata di lavori per la 56.ma  sessione di formazione ecumenica del  Segretariato attività ecumeniche (Sae), in corso presso la Domus Pacis di Santa Maria degli Angeli (Pg), dedicata al tema dell’ambiente.

Il vicepreside dell’Istituto di studi ecumenici San Bernardino di Venezia, Simone Morandini, ha illustrato le fragilità e le responsabilità del tempo che gli esperti definiscono «antropocene»: un tempo nel quale l’agire umano si colloca tra le principali forze che determinano l’evoluzione biologica, fisica e chimica della Terra. Non ci sono più dubbi sulla realtà del cambiamento climatico in atto e sul fatto che se entro quindici anni non si inverte la rotta si rischia il collasso irreversibile di ecosistemi. Già abbiamo visto sei isole di plastica in mare, abbiamo assistito alla devastazione di foreste, alle grandi migrazioni di profughi ambientali tanto che si parla di «apartheid climatico». Allora la domanda è: come abitare questo tempo di grandi contraddizioni e sofferenze?, «Ascoltando la voce delle vittime», come suggerisce il Consiglio ecumenico delle Chiese, ha risposto Morandini. E poi «ascoltando il grido dei poveri e della terra, come scrive papa Francesco nella Laudato si’, e ascoltando le giovani generazioni che ci parlano, come Greta Thunberg». Ma ascoltare, ha aggiunto il vicepreside dell’Istituto di studi ecumenici San Bernardino, richiede di assumere uno sguardo diverso, di ripensare la responsabilità; di sapere che la terra è del Signore e noi siamo stranieri e ospiti. Significa cambiare immaginario, scelte personali, comunitarie e scelte politico-economiche, Diventare amministratori responsabili. Significa ritessere le reti della convivenza.

Sergio Mainoldi, arciprete ortodosso del Patriarcato ecumenico, partendo dall’affermazione del patriarca ecumenico Bartolomeo che «la crisi ecologica è frutto della crisi spirituale» ha messo in luce in che misura la sensibilità teologica e liturgica per la bellezza può contribuire a capire le ragioni spirituali della crisi attuale. La bellezza, ha spiegato, non può essere tale se non partecipa all’energia divina. La bellezza è relazionale ed ha una funzione escatologica perché collega le cose create a Dio e a lui le riconduce. Il compito di custodire e di coltivare affidato ad Adamo unisce la dimensione contemplativa e la dimensione della tecnica come prolungamento della creazione. Un’economia senza bellezza si spersonalizza e diventa accumulo di profitto. La concezione dell’utile si basa sulla spersonalizzazione e sullo spaesamento. La crisi spirituale porta a concepire inutile ciò che non è finalizzato all’utile in senso stretto. L’utile spirituale non viene considerato. La bellezza è un utile comune, condiviso, a lungo termine. L’equilibrio, secondo Mainoldi, non può che passare dalla riconsiderazione del ruolo della bellezza.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.