Nessun articolo nel carrello

Legge contro l'omofobia: un'occasione anche per la Chiesa. Appello di riviste e associazioni

Legge contro l'omofobia: un'occasione anche per la Chiesa. Appello di riviste e associazioni

Intervento sul Disegno di Legge per contrastare la violenza e la discriminazione legate al genere, all’orientamento sessuale e all’identità di genere.

Agli inizi di agosto è giunto in discussione alla Camera dei Deputati il Disegno di Legge contro l’omotransfobia, che raccoglie ora in un testo unico i cinque Ddl a firma Boldrini (PD), Zan (PD), Scalfarotto (IV), Perantoni (M5S) e Bartolozzi (FI), testo emendato in Commissione con una norma a salvaguardia del pluralismo delle idee e delle scelte (“clausola salva idee”) in relazione al matrimonio e all’orientamento sessuale.

Come Associazione e Rete di gruppi di laici impegnati nell’ecclesia e preoccupati della costruzione del bene comune in collaborazione con le altre componenti sociali ci sembra opportuno intervenire nel dibattito che si è aperto in diversi ambienti e nella comunità ecclesiale.

a) Una legge che contrasti l’omofobia ci sembra necessaria e opportuna in quanto le nostre società si caratterizzano per un pluralismo e multiculturalismo che richiedono di essere governati. Infatti, il linguaggio di odio crescente verso queste minoranze, alimentato soprattutto attraverso i social, pone un evidente problema di contesto che favorisce comportamenti imitativi.

b) Il testo del Ddl unificato e emendato intende estendere le pene più severe anche ai casi in cui le violenze siano commesse in ragione dell’orientamento sessuale o dell’identità di genere della vittima, accordando così una tutela rafforzata a soggetti particolarmente vulnerabili. Il nostro ordinamento non tollera, infatti, alcuna discriminazione «per motivi di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali» (art. 3 Costituzione). Inoltre, dalla lettura del testo in discussione non sembra emergere la fattispecie di un reato di opinione.

c) Il dibattito politico e culturale in corso riteniamo debba diventare, anche all’interno della Comunità ecclesiale, occasione

- per prendere le distanze da qualsiasi strumentalizzazione politica del Vangelo;

- per accostare l’attuale complessità fenomenologica delle esperienze relazionali e affettive e per approfondire le osservazioni delle discipline antropologiche e psicosociali che da tempo stanno rivedendo e integrando le definizioni, ormai inadeguate, di individuo, famiglia, genere, sessualità, affettività;

- per dare concretezza nella pastorale agli inviti all’ascolto e all’inclusione, che altrimenti restano indicazioni astratte ed escludenti, se non fondate su un’accettazione convinta della normalità del diverso da parte dell’insieme dei fedeli e del clero;

- per sostenere i segnali di un nuovo dinamismo, fatto di incontri di singoli parroci e comunità che accolgono queste persone con attenzione e rispetto, senza giudicare.

d) Infine, ci sembra necessario osservare che l’ormai consolidata fine di un partito che rappresenti unitariamente i cattolici in politica dovrebbe spingere la Comunità cristiana a ricercare con i laici cristiani impegnati nella ricerca del bene comune e della direzione della cosa pubblica forme di dialogo per evitare di esporre la Conferenza episcopale alla necessità di interventi che finiscono per collocarla impropriamente sul piano dell’azione politico-parlamentare.

Parma, 28 agosto 2020

Associazione Viandanti - Consiglio direttivo

Rete dei Viandanti, hanno aderito: Casa della solidarietà, Quarrata (PT); Chicco di senape, Torino; “Città di Dio", Associazione ecumenica di cultura religiosa, Invorio (Novara); Comunità del Cenacolo, Merano (BZ); Finesettimana, Verbania Pallanza (VB); Gruppo Davide, Parma; Gruppo ecumenico donne, Verbania (VB); Gruppo per il pluralismo e il dialogo, Colognola ai Colli (VR); Laboratorio di Sinodalità Laicale (La.Si.La), Milano; Rivista Esodo, Venezia; Rivista l’altrapagina, Città di Castello; Rivista Il Gallo, Genova; Rivista il tetto, Napoli; Rivista il foglio, Torino; Rivista in dialogo, Pistoia; Rivista Nota-M [online], Milano; Rivista Tempi di Fraternità, Torino; RomanintornoallaParola, Roma.


* Immagine di fdecomite, tratta dal sito Flickr. Licenza e immagine originale. La foto è stata ritagliata.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.