Nessun articolo nel carrello

Mediterranea:“Dall'Ue due parole d’ordine: allontanare e respingere

Mediterranea:“Dall'Ue due parole d’ordine: allontanare e respingere"

POZZALLO-ADISTA. "Dopo le belle dichiarazioni di principio sui diritti umani, arriva invece la dura realtà degli obiettivi politici che le contraddicono nei fatti." Così Alessandro Metz, armatore sociale e portavoce di Mediterranea Saving Humans, la piattaforma della società civile italiana in missione con la nave Mare Jonio, commenta il Migration Pact, documento ufficiale dell'Unione Europea presentato oggi dalla presidente della Commissione Ursula Von Der Leyen.

"Tre quarti del testo programmatico per le istituzioni e i governi europei sono dominati da due parole-chiave: 'confini' e 'rimpatri', gli uni da gestire, gli altri da incrementare. Quella per i confini pare una vera e propria ossessione. È lì, contro ogni buon senso ed effettiva garanzia dei diritti, che dovrebbe svolgersi una inappellabile selezione tra chi può entrare e chi deve essere respinto. È il diritto d'asilo, per come è sancito dal diritto internazionale, ad essere così riscritto e stravolto."

"E dove poi dovrebbero essere reimpatriate le persone? - prosegue Metz - Ce lo chiediamo con inquietudine, dal momento che il documento della Commissione prevede un rafforzamento della 'cooperazione' con quei Paesi terzi di transito dove, come i casi di Turchia e Libia hanno ampiamente dimostrato, pericoli per la vita e violazioni sistematiche dei diritti fondamentali delle persone sono all'ordine del giorno."

"Von Der Leyen chiede giustamente un nuovo meccanismo di solidarietà tra gli Stati europei per non lasciare soli i Paesi di frontiera, di terra come di mare, capace di superare la nefasta logica dei Regolamenti Dublino.  Ma questa stessa idea di solidarietà non viene applicata alla necessità di stabilire, effettivi e non simbolici, canali di accesso regolato e legale all'interno dell'Unione. Non ci siamo proprio: allontanare e respingere non possono essere l'unico messaggio con cui l'Europa si rivolge al mondo. Si persevera così nella stessa direzione che ha creato Moria e i campi di concentramento in Libia."

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.