Nessun articolo nel carrello

 “Chiese verdi”: convertiamoci alla preservazione dell’ambiente

“Chiese verdi”: convertiamoci alla preservazione dell’ambiente

ROMA-ADISTA.  L’agenzia Notizie Evangeliche (Nev) informa che «il nuovo sito internet www.egliseverte.org dedicato alle “chiese verdi” di Francia è stato lanciato in occasione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani (SPUC). Si tratta di un progetto ecumenico per la riconversione e certificazione ambientale delle comunità di fede e dei luoghi di culto, nato in risposta alla conferenza sul clima COP21 tenutasi nel 2015 a Parigi e, da parte cattolica, sull’onda di quella “ecologia integrale” indicata da papa Francesco nella sua enciclica Laudato si’.

Sul nuovo sito si possono trovare notizie, approfondimenti, video, schede, risorse e strumenti per esplorare e migliorare le proprie pratiche sul sentiero della “conversione ecologica”. Qui le chiese locali, parrocchie, monasteri ecc. possono richiedere di certificare il loro impegno per la tutela dell’ambiente richiedendo l’etichetta “Église verte” (chiesa verde) compilando un modulo online con delle domande per un’”eco-diagnosi”: c’è consapevolezza del rispetto della creazione nelle lezioni di catechismo? L’elettricità che alimenta il tempio proviene in parte da energie rinnovabili? La segreteria parrocchiale ha ridotto l’uso della carta? I livelli di certificazione, in base agli indicatori e alle attività concrete intraprese, sono cinque e prendono il nome da piante bibliche: granello di senape, giglio dei campi, vite, fico, cedro del Libano.

L’iniziativa è sostenuta fra gli altri dal Consiglio delle chiese cristiane in Francia (CÉCEF), organismo che raggruppa le principali chiese cattoliche, ortodosse, protestanti e anglicane, con l’Alleanza Evangelica in qualità di osservatore; dall’Assemblea dei vescovi ortodossi in Francia; dalla Conferenza episcopale cattolica romana; dalla Federazione protestante di Francia.

In Italia è attivo il sistema “Gallo verde”; nato in Germania nel 2001 con il nome “Grüner Gockel” è un progetto di gestione ambientale specifico per le realtà ecclesiastiche che ha visto l’adesione di numerose chiese protestanti, cattoliche e ortodosse in diversi stati europei e in Svizzera».

* Foto di Luca Aless tratta da Wikimedia Commons, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.