Nessun articolo nel carrello

Immigrazione: Chiese evangeliche boema e italiana unite per salvare i migranti

Immigrazione: Chiese evangeliche boema e italiana unite per salvare i migranti

Un documento delConsiglio sinodale della Chiesa evangelica dei Fratelli Boemi, storica denominazione protestante della Repubblica Ceca lamenta la mancanza di accoglienza di migranti del governo di Praga e esprime solidarietà alle chiese protestanti italiane in prima linea nel salvare vite umane. Il  documento incoraggia l'aiuto ai rifugiati messo in campo in particolare dall’Italia e dalle chiese evangeliche italiane.

Ecco il testo:

«La Repubblica Ceca ha annunciato che non accetterà alcun rifugiato dal gruppo di 450 persone recuperate in una barca da pesca vicino alle coste italiane.

Il primo ministro Andrej Babiš e il ministro degli Esteri Jan Hamá?ek hanno affermato che la Repubblica Ceca non soddisferà le richieste urgenti dell'Italia e non aiuterà nessuno dei migranti.

Vogliamo esprimere la nostra preoccupazione per questo atteggiamento del governo ceco. Lo vediamo come una mancanza di solidarietà verso le persone in pericolo immediato e verso i nostri partner all'interno della Comunità europea. Con il suo rifiuto, la Repubblica Ceca tradisce i principi del mondo civilizzato, i principi su cui si basa e che, tra le altre cose, si fondano sulla tradizione e sui valori della fede cristiana.

Già la scorsa estate la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia ha chiesto la nostra cooperazione in una situazione in cui il loro Paese si trovava a far fronte a un gran numero di migranti che attraversavano il mare, un onere difficile da gestire senza il sostegno di altre nazioni.

Siamo sicuri che il nostro Stato sia in grado, in cooperazione con altri partner e istituzioni europee, di intraprendere azioni appropriate contro la migrazione economica e la tratta di esseri umani organizzata.

Allo stesso tempo, abbiamo fiducia sia nelle organizzazioni statali che in quelle non governative e riteniamo che la nostra società abbia abbastanza capacità, forza morale e meccanismi efficaci per sostenere coloro che realmente hanno bisogno.

Dobbiamo assumerci la piena responsabilità della solidarietà reciproca. Nel Vangelo, le parole di Gesù sull'aiutare un individuo bisognoso sono chiare. Di fronte alle minacce immediate alle persone reali, non dobbiamo rimanere sdegnosi e indifferenti».

La lettera è stata consegnata all’Ufficio del Governo e al Ministro per gli Affari Esteri.

 

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.