Nessun articolo nel carrello

Vincono paura e povertà: su “Sbilanciamoci!” analisi all'indomani del voto

Vincono paura e povertà: su “Sbilanciamoci!” analisi all'indomani del voto

Interessante analisi del voto proposta da Sbilanciamoci!. Secondo Mario Pianta i due grandi motori del voto sono stati paura e povertà, geograficamente contestualizzati a Nord e a Sud: «Quelli di Centrodestra e Cinque stelle sono successi paralleli, alimentati da ingredienti comuni: il voto di protesta, la retorica populista, la critica all’Europa, l’astio contro gli immigrati. Nel Centrodestra queste spinte coesistono con interessi molto distanti (quelli del potere economico intorno a Berlusconi) e la definizione dei rapporti di forza interni alla coalizione sarà complicata, in termini di egemonia politica prima ancora che nella formazione del governo. Nei Cinque stelle quegli ingredienti convivono con il tentativo di passare da movimento di protesta a partito di governo, anche qui con un’evoluzione dell’identità e dell’agenda politica ancora tutta da definire».

Poi c'è il Paese reale, con un reddito medio procapite precipitato negli ultimi anni. Un crollo generale che ha colpito principalmente le fasce più povere di popolazione e il Mezzogiorno. «Il voto ai Cinque stelle – spiega Pianta – riflette la povertà del Sud, e si comprende bene il richiamo della loro richiesta di reddito minimo. Il voto alla Lega esprime la paura di impoverirsi del Nord». E questo spiega anche perché il Pd e Forza Italia resistono nei centri delle grandi città, dove i redditi sono mediamente più elevati così come più alta è l'istruzione». Alla povertà si affianca infine la paura (catalizzata contro i migranti), la percezione di un Paese che “accoglie” nuovi poveri, potenziali concorrenti nei lavori a basso profilo e nei servizi pubblici. «Paura e povertà, in questo strano intreccio, sono diventate le forze che disegnano la politica italiana» e che soppiantano le parole d'ordine tradizionali della destra e della sinistra. In particolare, «la tragedia della sinistra è che uguaglianza, sicurezza sociale e solidarietà sono state per duecento anni le sue insegne. Via via smarrite nella perdita di identità collettive, in pratiche politiche sempre meno coinvolgenti, in politiche di governo sempre più in contrasto con quei valori».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.