Nessun articolo nel carrello

L'arcivescovo di Palermo: «I predoni dell'Africa siamo noi»

L'arcivescovo di Palermo: «I predoni dell'Africa siamo noi»

Parlando a Radio Vaticana (8/9//2018) alla vigilia della visita pastorale di Papa Francesco nel capoluogo siciliano (nel XXV del martirio di p. Pino Puglisi), il prossimo 15 settembre, mons. Corrado Lorefice, arcivescovo di Palermo, ha detto che tra i temi che Francesco affronterà nel corso del suo viaggio ci sarà «quello dei migranti». Lorefice è stato in udienza privata dal Papa venerdì 7 settembre: «L'ho trovato con il suo cuore e la sua grinta e soprattutto con un grande desiderio di venire a Palermo. Penso che sia l’ennesima tappa di un itinerario che Francesco sta disegnando per l’Italia: per così dire dalle Alpi alle piramidi, da Mazzolari a Puglisi. Un tragitto lungo i luoghi di uomini, preti, sacerdoti, che hanno annunciato un Vangelo che, come sempre, non può essere immediatamente compreso, ma che è capace di diventare realmente compagnia degli uomini, soprattutto negli snodi storici più importanti».

Parlando della questione immigrazione l'arcivescovo di Palermo ha ribaltato il senso comune: «I predoni dell’Africa - ha affermato - siamo noi. E se facciamo un po' di esame di coscienza vediamo che tutt'ora l’occidente schiavizza questi popoli e quindi dobbiamo assumerci le nostre responsabilità». «L'unica via è quella dell’incontro. Dobbiamo custodire un cuore umano. Nel volto di ogni uomo, al di là del suo colore - e stiamo attenti: siamo tutti di colore, anche il bianco è un colore - gli uomini si devono rincontrare con la consapevolezza che ci viene anche dalla nostra visione biblica: l’uomo - sottolinea mons. Lorefice - è immagine di Dio e come tale porta in sé l’unico richiamo ad essere rispettato e accolto, a maggior ragione se questo volto è sfigurato dalla sofferenza e dall’oppressione che, molte volte, siamo stati noi occidentali a creare, a fomentare».

«Nell’itinerario che Francesco seguirà nella sua visita a Palermo», oltre ai momenti pastorali, ci sarà «la visita a Brancaccio, il quartiere dove don Pino è nato e morto il 15 settembre, a 56 anni di distanza»: per mons. Lorefice è «un segno particolare. Significa che il Santo Padre viene da noi anche per indicare un indirizzo: perché la comunità cristiana non può non essere dentro le maglie della storia, lì dove c'è povertà e lì soprattutto dove c'è la concentrazione dei poteri. Il Vangelo arriva, come ci ricorda in questi giorni la prima lettera ai Corinzi, come un potere altro, nella debolezza della croce, che però riesce realmente, addirittura, anche a mettere paura agli uomini mafiosi».

 

* Corrado Lorefice, vescovo di Palermo, alla Giornata Mondiale della Gioventù 2016 di Cracovia. Immagine originale e licenza

 

 

 

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.