Nessun articolo nel carrello

Contro il razzismo e il clima di violenza nella città di Roma

Contro il razzismo e il clima di violenza nella città di Roma

La comunità cristiana di base di san Paolo denuncia con forza che la situazione sociale della Città è ormai contrassegnata dalla violenza che è cresciuta sul degrado e l’ingiustizia che i Romani vivono ormai da anni. Già in passato, più volte, sulle tracce della lettera pastorale dell’Abate di san Paolo fuori le mura Giovanni Franzoni, abbiamo indicato la violenza classista che si manifesta nelle grandi diseguaglianze abitative presenti in Roma: dai campi rom agli esclusivi quartieri presenti nelle zone di pregio della Città. Una serie di Amministrazioni assenti o conniventi coi gruppi di potere che hanno gestito il Comune hanno avuto come esito il prevalere del razzismo egoista, un’illegalità diffusa alimentata dal clientelismo, un intollerabile clima di violenza creato da bande criminali che, sotto le insegne di forze politiche, godono di connivenze ingiustificate persino fra le forze del Governo del Paese.

Le famiglie rom, come tutti i soggetti più deboli, pagano il prezzo più alto di questo clima. Non basta certo il gesto di un giorno di solidarietà della Sindaca, pur apprezzabile per il coraggio dimostrato in questa occasione, per cancellare la realtà di una Amministrazione che si era proposta come elemento di rottura coi poteri che avevano governato i destini della Città, e che invece, proprio sulla politica edilizia e urbanistica, ha stabilito i più forti legami col passato: dall'attenzione verso i grandi costruttori agli interventi sugli sgomberi delle sistemazioni più precarie dovute all'emergenza abitativa.

La comunità cristiana di base di san Paolo ribadisce ancora una volta che la lotta contro la marginalità urbana è parte integrante e necessaria del nostro impegno per la giustizia; tutti gli uomini e le donne di questa città che credono nel dovere di ridare umanità al volto della Città si uniscano nella denuncia e nella lotta contro la deriva dell’emarginazione di tutte le diversità.

La Comunità cristiana di base di san Paolo

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.