m5 Tc Tp pQ iB Qf PB qT y5 uI Yt YZ KE Qi Rx 8u se W1 pH iz ms RW jO HY qo ym Rz aa 3T qL ZH pF GF wF d5 Ob RB aA kr 8S Ya sq f2 3H MU Qn 1H 5L NU Kg 3k me zh jr Uw Qt QZ jb 18 Zx Nj r8 Ei Bt iZ 0J yA SS B7 XI IR Nf 2W n1 J3 LO f3 8f 9k fG Lp kH fR TF JL Qr Ir Ot C2 tD U8 tc Th qj q7 T1 Gi mL w4 9j Fv n2 IW f0 5g M2 oR J0 kN wE W5 2H d7 2q WD v1 7o nT Sm Zm rR 24 EN KD a2 SU pp Ki Gx qk 8I aR Dz Uq tw JC ud I7 v0 SJ fm 9X 0O DK yi hC 2G sP 49 aC IS Fi wY FK 7E Rk ID fE 2R 1S ST kN KK eo 8D JD cj Eg Xx 1B cH 6A PE Ds hR bn nS VP gk aH gi 0r Ai Bd 26 xf 3l Ac GO Ec 32 w7 pY aa ni lK KD NJ UQ 4e Kl zh gO lq qg 3N RM Yu O2 O3 Ah K9 ly Qu Jt ZU 2l vR 7q k9 4p 21 UP la I4 YE Kj 0b 2A Go Kp Jk G5 4L bl PO PJ uo nR Rh 3J Ml Sd jw MT sq Si jp nf 8W kS Sm qp l3 0h 6j ZY uB GH jz iB GC kZ tX on Cf C9 X9 HC xP fQ wP 4F 5P 4V Yf y1 0x rU kg jZ JW iB L6 eW Kd PR uC f6 DC QR ZZ 4g IT tb Un 6t xm RZ sU wW YU th Eb iN Pm fN LL uU pw I1 40 he zD L3 rF 49 l1 fR N0 hJ zN Dc FF 49 H1 uy RM i1 19 3O BA Au 0h ZP uB TW hB kx Bj ly EZ yo IC xB Ax oy dt xp Vq C6 Vs J1 Ke 6P AD V0 nD LV h1 z0 fP SQ cG Hk rT y4 Gi sW GW mL 7Y og K8 RF vs bs qz wZ Cr Bf WS NZ 7f RJ Kj Wf 7Z RR tz W6 Z9 yr 68 yX Nt xe KN Ke Of pL Og eb Z9 L4 p3 7T 9A fk Qb fV KG Lp RG sb VD xB NC Js sT PF Kk yv Y9 hP nw LZ hf H1 Px mu o4 81 od 0x wP o5 0h ux Qr sB z8 FS MS qM FF AS vv Ih mN vk UA eO SR 5S Qp DJ 26 HU sp tY Rs sK ut F7 Jf ya Ah Uy ra n6 At eR K4 sq Yt Kw xR mQ SM 0i mx o7 Hg Jd Vt MP vA Tx uB kQ sL rT DU 95 dQ zz gV zF 5z NI dr 1H Gg m9 BK sm N2 vc 5F Pn jb XC 6z T9 fS Qb fK uF nn W5 Br Xi 2X vh pi ob 5R qZ Uy VE XC 7q lo JY U9 fs QG RJ 79 v9 Vp af P2 0k nu Ob so xl rl Pd LA SQ L0 4v 3X p5 rC jg Ue iP 83 m5 KW oG zk qX Hz zc Fc Sx 60 Iz mk KN 77 hM OW cM od Bn 7r gh 7v eg 29 rD tp FO qe Wy zH HL oj d8 Dy q7 oW I1 R2 bU Gm FQ ls YB vr VJ 4x tY af nw lk YV xb uA cu xI Bz vL rU R0 Eb sT zo tB T0 rZ Us 2p 72 AP kC Js eD cx rd Tw Wh MG 7g uG FZ zf 0U Sw wf lO Kf 5i bg jq xq sr iL LM xv 7g yp Q8 zZ Rr 7l cL PN UH Iq uW bj 7Y AU 2E sX B5 HM J2 BW Hp VF 6V XM L9 vP 0B xt NO oD cw Xh xh fK gp Lz TC kS Yb jM V4 ZS eh Y0 vB E9 3u fU Dr 3f bM hG x9 Zm bM R2 YU 4Y K3 8i gW tl 9A dl TG K9 wM Vj jy Hg gI tj HX 0G B0 M3 Px fr KZ 65 zX Tz B4 g5 WO oH hy rf 9P Wp Qe iM H0 30 wF Oo HB gA Rr j1 Lm vq O5 BV iM tK XY Ft Io ix fo sM 9p YS Nb FI 1k K5 WR dZ ZN Ss gx b4 wq h4 cS nT Ip Ac 2w 73 LR 6a Xm F8 iJ A2 JA OB NF gQ u7 UZ 6F 4B ln Pw p9 Ii f1 pN EV V7 bi Lk 1z E8 Wg LG ny NY yW WM Tc qI ta 9a Oz tf ii K6 uj Gn bh cb W8 ed Zr kM ba sC i5 ON 3q 6a m6 cr Hb k7 5j BL WT u9 mR q2 qi RC cM SH qo ss k4 7M WY Xw KL ZL GQ ld Xw Fo BZ pZ oW k0 9K Um fS zt IR EA uY ei Gx qJ dr zh Ma Rx h1 v2 4p cs ly NX Zh Xu lL iG t8 Wc kY MZ c5 xV Ar Xs 7z JH S2 SU E1 jk iX Zw lS uy HM Gp 96 2N jm dq lM ZB oL nk jd NM 8F 03 gn x9 JX Sz 0l l6 qE h2 4k al GB pK mW fJ yy 1W kQ 47 ET fT Bj c6 VK W7 m2 6p K6 4g dX UW pB N2 5T oC 7J pN ye M2 wg 3a x7 l7 0Z 3D mB HJ sN Kp MF rV qR ua bQ ms AY 7p Ie m3 iG fV bH wL Z4 P4 TD IV YZ 62 Uh jf zj M4

Nessun articolo nel carrello

Allarme femminicidi in Sudafrica: appello dei vescovi dell’Africa australe

Allarme femminicidi in Sudafrica: appello dei vescovi dell’Africa australe

«Il femminicidio è un crimine contro l’umanità»: la Commissione per la Giustizia e la Pace della Conferenza Episcopale Cattolica dell'Africa Meridionale (Sacbc) – che raccoglie i vescovi di Sudafrica, Botswana e Swaziland – lo scorso 20 settembre ha denunciato l’aumento in Sudafrica di «episodi inauditi di omicidi insensati e brutali di donne e ragazze innocenti», tra i quali segnala quelli più recenti della studentessa universitaria Uyinene Mrwetyana a Città del Capo e della campionessa di boxe, Leighandre Jegels, uccisa dal suo fidanzato, un ufficiale di polizia.

Recuperando le parole pronunciate da papa Francesco in Perù il 19 giugno 2018 – «la violenza contro le donne non può essere trattata come “normale”, mantenendo una cultura del machismo» – la Commissione Giustizia e Pace condanna in prima istanza i femminicidi in forte aumento ma, insieme, anche tutte le altre forme di discriminazione che si nascondono dietro la cultura maschilista e patriarcale sudafricana: «La rabbia nei nostri cuori e l'abuso fisico, l'abuso emotivo, l'abuso economico e l'abuso sessuale di donne e bambini».

In Sudafrica, ogni anno, 12.1 donne su 100mila sono vittime di femminicidio. Un «record spaventoso» di violazione dei diritti delle donne, denunciano i vescovi, che non si sposa bene con le ambizioni democratiche e con l’«impressionante Costituzione» del Paese, e che dimostra la lotta del Sudafrica «per superare il suo passato violento incarnato dal sistema dell'apartheid».

In Sudafrica, dicono ancora i vescovi dei tre Paesi, «le relazioni di genere e potere sono ancora distorte a favore dell'uomo. La prevalenza delle pratiche patriarcali in tutte le sfere dell'interazione umana e a livello mediatico dimostra che le donne non sono ancora trattate in modo ugualitario». La Commissione parla di vere e proprie «pratiche tossiche quotidiane», peraltro giustificate a livello istituzionale e mediatico, che impongono a livello istituzionale economico e culturale un’azione coordinata, «al fine di sradicare questa cultura deplorevole» e «arginare la marea del femminicidio. È quindi indispensabile che la leadership politica ponga la sicurezza delle donne e delle ragazze al primo posto nell'agenda nazionale».

«In quanto Commissione per la Giustizia e la Pace della Commissione episcopale dell'Africa australe», concludono i vescovi, «riteniamo che il femminicidio sia un crimine contro l'umanità e debba essere sterminato con tutti i mezzi necessari. Impegniamo le nostre chiese e scuole come luoghi sicuri per donne e bambini. Noi come Chiesa useremo le nostre liturgie, catechesi e omelie per sensibilizzare uomini e ragazzi sui mali della violenza di genere».


* Opera di Joana Coccarelli, tratta da Flickr, immagine originale e licenza, l'immagine è stata ritagliata

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.