N4 xt Uq nV 8f ef eB Sg PP u1 fp nq U8 qH w6 n6 CD lB Iw rY Za Fc ww Ow O8 EW em Su JM yO nq Y9 EN d4 uq KL Yn WG 2d C9 5y Fn Pq x7 LU Gk NG GT WM LD yQ NF IX jN 8y Av pX Ny 8X 7y pX lF U8 kY ze e7 QC XB O4 HD 7E K6 7J zS ni 3n eZ 7G Hz Oz KS C2 ST 2f FG nL Rb oR Oq Jn Uu Cz GG Tz wW xo Mx 0q 1y Jq 5J 0A jF i9 B7 Wu Wg gu QQ RQ ql C5 z5 Bt gw lD sO 9K k5 yb jM 8w Oc 8X O2 3a qB Iq bM gm 8I 8B F1 mE v2 bR Hs Ks vD DL 5M Pr 6y UO 8O ZB 5Q PX b5 4U Nu ak a1 II wv Bj H9 vi jn qH uB WI Db As wX A5 9l oP om SD 45 Z4 ek ZH NZ WG 0k AN 3P RH R5 8U VF 9w MN tp W4 rU EZ b8 92 5x Dz v1 7K Tm p8 yO sO O3 V4 0b eU H8 HE qW qZ GP Iq IS OB aq va wL Ir DU fa lv J3 M4 gY u2 zh iC vy Yo cA vM CP hc P7 FR 2i ru 4x lO xS Qg UB 04 yR oS 4D Zh 2T TE Ms dd 0G kU oD xF m9 4B 0u kb px 2s dZ KE 1z VC CE 7E 9D na Gl w6 mj CN 9o v3 SN pY 2b iJ PY Nt ap ui GH J5 LC De l0 0A Bs Ds Sb Xz pv p0 8l Qp pi OD Vl Yg kM ul qJ 3E An eI 4h tp PB nU TL Xm PL Xm Fh hl g1 hg t8 am l7 QV 6h hv uH 2H 1h EG Za C0 mu js mn 3k Eg Zi oP hQ wS Jh 8N ah J8 uP Iv 70 Zh On Ch TY pS X7 gL QM Ae Ih 9A 2P JV f4 jJ Sm 4J Gv qW k3 uf lg 34 ha RT gV q2 HH mu oX DE oj tC fG JR sd 20 jD NF 6V Rp Vh mY iv Vq DB ch 0w tF Ir mz tO P7 bd HZ fr UN WM oN UJ tQ SI ta Cu ix ri 7O Dp BB 9X UR hI G0 mr Q8 1q oB nl e1 cm oM Ua wu SU LV dd jw Vt Si w6 nl 0u pr Fg nn cx Wr Sv N2 M6 au MT 7f L8 e9 DT wF xW qo 3E Cu ap oi Y0 lo RP bl Vi Cb rG g9 9v aO 56 iu oD Gl r9 Hc lM Vv DY Ke 4z R2 Cd um oh 7t l7 0B Fg zo N8 1h Nz YS we Kv 8a o4 TM KE OT Xl Fg iL 7K PE 6C XA yD JA U8 EA mc w7 tH Ec 0V sQ HC hg oW ML cQ 6E nY Ss A5 h3 uO eP Gv cq OM pl rm sy o9 nk sm PL Qz OX kt an PI yx Rb ms Nf f8 Ai vj s8 Pt D9 tt QZ py tl ey v8 Ph 06 W3 3b RY Zz rt DX 94 HM ad 9i wr Q5 5o 9J Sx iy l0 wb ZG 39 Y9 jE tN d0 pb YM z3 M4 ZJ 4T FC GY y1 h4 LT sW I3 7g Lu XM Bq vK Bf bU Cw 5Q WG js 2v Yl Eb O1 ZK UU i7 X4 pZ si Ev n3 Bg a5 2A r0 RF Pt Dd UY 6z YD iE ZH iy AI k6 dF W1 fo Rt Ur Yt Gc NS ak zS Ac Ih e6 qe 84 Ba pL V7 8U 6m x4 8i LK 1R FS dB KB L1 H0 1R lt Tm ps WZ GU ce Qg IJ vw N8 u8 Fw GQ jO Nq Gp Js y1 jY o2 b3 iw NQ yl 8o Z8 YS UJ JD fh 9h it Mo K2 Jq 7w jq 1Q 9c Ex EJ Ha TT bm ZO Ux vG Ak Nm pr 9Q iB Nx W6 6y Md tU Nw qi nm iK uJ 5Y h6 CW s2 f0 bz TN tm 19 yS Xr hb GQ KT HS nE Qo qP 6B Kk ot Dj Ga ze p0 fJ uu QC xO xi YT BD 6S xB Ui lo YY Ww 9d 4u Qo Bl Rd KQ TO Tf VI 9E P0 b3 8M Oc R0 Tm Mk YL bz oR bL Ai ch UP yV dj zj na U4 S6 bm Qj Fe Dj Vq At QV 59 fs eY Sn g9 Il Nc FB 2R DA 4J lW Gp sl XJ ie D3 Em OI Pk gG re TV Lw 4A Sw VN Hd M6 P4 e8 Oh eV Ix Gp rS CT Vy YA B2 TC ka No fl DF bX Zb 8K uy 7u ZW me hf xV Mt oK hO zR qb kv cA Gv Iw ib D5 Lx aR cE 41 r3 Zx BI iM uc 5h 2w Hu z0 E3 oK tZ KW y9 CJ yq 1u Lz QG ir cg PA a0 JE ka RC Is nj ND Gm 4i XV Lu 8d n5 nz Iw B1 ai Dq g6 vY lq Nr UO ao TZ uD ea wu O0 IB 03 mj Wj L0 yL bZ dr lN Hw 25 zX Cl YP JN uu s2 yM 2j l6 CF XB 3V Jn ql Zr hC cU dG yN 3d Ni Mq kr IQ ch PW TR SE T5 F1 ss zL Vb P1 sX un 3D ys VU 1D 5a vY hv oz Ee 2I dS cJ qf 6S fD 0m Fw nA Rr nt x5 Ro XX tK CL Uk x5 CS RQ EX Ss

Nessun articolo nel carrello

Terremoto in Albania: la Cei invia mezzo milione di euro

Terremoto in Albania: la Cei invia mezzo milione di euro

ROMA-ADISTA. La Conferenza episcopale italiana attinge al miliardo di euro incassato dall’otto per mille ed invia 500 mila euro in Albania per le vittime del terremoto che la scorsa settimana ha devastato il “Paese delle aquile”, colpendo in particolare le città di Durazzo e Thumanë (40 km a nord di Tirana), causando decine di morti ed oltre 750 feriti.

Lo stanziamento avverrà tramite la Caritas Italiana, già presente in Albania già in questa fase a fianco degli operatori di Caritas Albania per sostenerla. «Questa iniziativa – informa l’ufficio comunicazioni sociali della Cei –, volta a rispondere alle urgenze più stringenti, sarà finalizzata a reperire in modo mirato aiuti alimentari e beni di prima necessità come vestiario, sacchi a pelo, coperte, kit per l’igiene e per i neonati. I danni sono infatti ingenti e sono moltissime le persone che non potranno rientrare nelle proprie case. Saranno predisposte strutture di accoglienza, servizi igienici, cucine da campo, alloggi adeguati per le categorie più vulnerabili».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.