Nessun articolo nel carrello

Razzisti inconsapevoli? L'editoriale di p. Costa in

Razzisti inconsapevoli? L'editoriale di p. Costa in "Aggiornamenti sociali"

“Siamo tutti razzisti” è il titolo provocatorio che la rivista dei gesuiti del Centro San Fedele di Milano, Aggiornamenti Sociale, pone all’editoriale del numero di maggio.  Perché, spiega l’autore, p. Giacomo Costa, la «questione razziale continua (…) a ripresentarsi come un problema non risolto, negli Stati Uniti e più in generale in Occidente. È certo corretto stigmatizzare ogni violenza ingiustificata, da qualunque parte provenga, ma sarebbe semplicistico pensare che tutto si possa risolvere con la repressione di comportamenti individuali sbagliati. Come in altre situazioni analoghe, quali i casi di femminicidio, il ripetersi degli episodi è la spia di un problema strutturale più vasto e profondo, che va ben al di là dei singoli fatti, pur gravissimi. Affrontare la galassia del razzismo è una questione tanto urgente quanto complessa, innanzi tutto per le reazioni di resistenza che si scatenano appena si oltrepassa la soglia delle dichiarazioni di principio».

«A parte i membri di alcuni gruppi estremisti, nessuno si professa apertamente razzista»; «i dati invece parlano chiaro: negli Stati Uniti gli afroamericani hanno prospettive peggiori in quasi ogni ambito: reddito, disoccupazione, probabilità di ammalarsi di COVID-19 o di essere condannati a morte; pure di fronte allo stesso crimine, la sentenza è normalmente più severa quando l’imputato è nero e la vittima bianca. Anche la composizione della classe dirigente non rispecchia quella demografica, fatte salve alcune eccezioni». Dunque, all’interno di questa struttura sociale asimmetrica, c’è un gruppo, quello dei bianchi, che trae vantaggio dalla situazione e gode di un privilegio.

«Non è “colpa” nostra, è così da ben prima che venissimo al mondo» siamo soliti dire, continua p. Costa. È invece «nostra responsabilità» «trovare come non esserne complici» di questo sistema funzionale a noi bianchi e «costruire spazi di resistenza e di alternativa: per preservare il sistema e perpetuare le sue disfunzioni, bastano il quieto vivere e lo sguardo rivolto altrove».

Occorre cioè «mantenere alta la guardia, a livello personale e ancora di più delle aggregazioni sociali di cui facciamo parte: anch’esse sono infatti attraversate dalla cultura della discriminazione. Vale per le istituzioni, le associazioni e le organizzazioni della società civile, il mondo del lavoro e quello dello sport (pensiamo ai cori negli stadi!), e vale anche per la compagine ecclesiale».

«Un secondo fronte di impegno, strettamente connesso al primo», seguita il gesuita, «è quello del lavoro educativo in vista della elaborazione progressiva di una diversa cultura. È una sfida che interpella in modo peculiare il mondo della scuola, che in molti contesti si rivela un potente strumento di riproduzione del sistema sociale, difetti compresi, così come gli ambiti dell’educazione extrascolatica, ma che non è estranea alla vita quotidiana di ciascuno: i piccoli gesti con cui si prova a spezzare la logica della discriminazione razziale non rappresenteranno la soluzione miracolosa e definitiva del problema, ma rafforzeranno in chi li compie e in chi li osserva la convinzione che un altro mondo è possibile e la determinazione a raggiungerlo».

«Non scoraggiamoci», esorta in conclusione l’editoriale: «affrontare il razzismo è un processo complicato che ci impegnerà tutta la vita; ma è anche un’esperienza di autenticità e, soprattutto, profondamente generativa».

*Foto tratta da pxfuel.com, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.