Nessun articolo nel carrello

"Per un percorso di pace": Dichiarazione della presidenza nazionale del CDC

Un grave errore non sostenere l’iniziativa del segretario della Nazioni Unite Onu Antonio Guterres per costruire in sede Onu un percorso di pace nella guerra russa all’Ucraina; un grave errore lasciare la parola «alle armi, ai combattimenti, alle distruzioni», confidando esclusivamente in una via militare alla pace; un grave errore che il governo italiano non abbia dato ascolto alla voce del popolo italiano, che chiede soluzioni pacifiche, «mentre continua solo ad approvare decreti interministeriali per cedere mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari in favore delle autorità governative dell’Ucraina»; «inaccettabile» da parte del governo, poi, «secretare le caratteristiche e la portata dei rifornimenti bellici», tenendo cittadini e media all’oscuro di tali operazioni. Per l’Italia è giunta l’ora di «contribuire alla risoluzione del conflitto con i mezzi che la nostra Costituzione ha chiaramente indicato nell’art. 11 per la realizzazione della pace e della giustizia tra le Nazioni».

Di seguito il testo integrale del comunicato diffuso ieri della Presidenza del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale.


L’aggressione all’Ucraina da parte della Russia e la guerra che ne è seguita da quasi tre mesi ci mette tutte e tutti di fronte ai drammi umani, alle distruzioni, alla corsa al riarmo, alla tensione e alla rottura nei rapporti tra gli stati. E’ stato un grave errore non sostenere l’iniziativa del segretario generale dell’Onu per costruire proprio in quella sede internazionale le condizioni per la cessazione immediata dei combattimenti e per una trattativa per portare alla pace, come avevano proposto il prof. Luigi Ferrajoli e altri costituzionalisti quali Gaetano Azzariti e Claudio De Fiores, al fine di giungere ad una conferenza internazionale come avvenne a Helsinki nel 1975.

La parola è rimasta alle armi, ai combattimenti, alle distruzioni. Ora occorre una iniziativa di pace perché continuare con i combattimenti sperando di risolvere il conflitto per via militare indica un futuro di lutti per l’Ucraina e un pericolo per il mondo che rischia di entrare in un conflitto che potrebbe assumere una devastante dimensione nucleare, di lacerazione dei legami di cooperazione e dialogo che solo pochi mesi fa avevano portato a importanti convergenze sul contrasto al cambiamento climatico.

Il governo italiano deve fare propria l’esigenza di aprire una nuova fase per favorire la pace, condivisa dalla maggioranza del nostro paese, mentre continua solo ad approvare decreti interministeriali per cedere mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari in favore delle autorità governative dell’Ucraina.

Inoltre è inaccettabile secretare le caratteristiche e la portata dei rifornimenti bellici.

Il Parlamento ha il diritto di essere informato e a sua volta il dovere di informare l’opinione pubblica. Solo una discussione parlamentare può consentire di fare conoscere all’opinione pubblica italiana quale ruolo l’Italia intenda assumere nel contesto internazionale per la pace in Ucraina.

È giunto il momento di mettere l’accento su trattative per il cessate il fuoco, per il soccorso alle popolazioni, per arrivare attraverso il negoziato alla pace.

Per l’Italia questo vuol dire contribuire alla risoluzione del conflitto con i mezzi che la nostra Costituzione ha chiaramente indicato nell’art. 11 per la realizzazione della pace e della giustizia tra le Nazioni.

Questo in particolare deve già avvenire il 19 maggio prossimo, quando il Presidente del consiglio riferirà alle Camere.

La Presidenza del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale

18/5/2022

Ufficio stampa: Andreina Albano 3483419402 – andreinaalbano@gmail.com

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.