Nessun articolo nel carrello

PACE, COM’È DIFFICILE LA TUA STRADA!

- Venezia: Salone dell'editoria della Pace

Tratto da: Adista Segni Nuovi n° 93 del 20/12/2008

Rispetto alle centinaia si partecipanti degli anni passati, quest’anno a passi in pace, la manifestazione conclusiva dell’ottavo salone dell’editoria di pace (Venezia 5-8 dicembre), hanno partecipato non più di venti persone rigorosamente in fila indiana lungo un percorso che partiva da patronato dei Frari per ritornarvi, attraverso o il ponte degli Scalzi o quello della Costituzione: i due ponti recenti e recentissimi sul Canal Grande nella zona ‘nuova’ della stazione ferroviaria e di piazzale Roma. Consueto lo slogan: “non c’è una via per la pace, la pace è la via”; e nel volantino dato ai pochi passanti che mostravano segni di curiosità si ribadiva: “Per costruire pace occorrono menti calme, chiare  ed accoglienti. Per costruire pace occorrono cuori aperti, non irrigiditi da odio e paura. La rabbia e la paura sono i nostri veri nemici.” Questa  pretesa di una ventina di persone silenziose e concentrate, guidate nel passo da Franz Zampiero, monaco buddista di Conegliano, era singolarmente accentuata dalla nutrita presenza di poliziotti e carabinieri. E questa disparità tra percezioni, fondate intenzioni,  e riscontri modesti ed opachi è stata del resto il filo conduttore di questa occasione di fare pace.

Giro di vite è la frase che è sembrato potesse riassumere  il tramonto drammatico e all’apparenza imprevedibile della finanza ‘facile’ con il suoi adepti e schiavi e la straordinaria opportunità di essere costretti a cambiare, a mettere in pratica scelte come la decrescita. E questo singolare intreccio, per cui oggi si deve constatare che quanti avevano previsto gli esiti di queste forme di dominio del mercato sembrano ridotti al silenzio, sovrastati dal clamore degli stessi artefici della attuale gravissima crisi, esigerebbe capacità di proposta, di progetto in cui si potesse ritrovare e positivamente spendere tutto quell’immenso e variegato mondo che in questi ultimi decenni non ha cessato di lavorare per la salvezza dell’umanità. Ma è proprio da questo mondo che emerge l’esigenza di darsi il tempo, come suona il titolo di un saggio che è stato discusso a Venezia (Idee e pratiche per un’altra cooperazione internazionale di Mauro Cereghini e Michele Nardelli, EMI edizioni, 2008).

Va pure ricordato che quest’anno l’incontro veneziano ha avuto la collaborazione degli studenti dell’EIUC (European-Inter-University Center for Human Rigths Documentation) un master  promosso da 41 università europee, dove si studiano in modo rigoroso i diritti umani. Il salone forse è servito per dire che lo studio è indispensabile, ma non preserva da quella situazione pervasiva - una nuova forma di globalizzazione - in cui gli umori diventano rancori e i rancori diventano progetto politico.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.