Nessun articolo nel carrello

Buone dall'Afghanistan: qualche spiraglio nella direzione del cambiamento

Buone dall'Afghanistan: qualche spiraglio nella direzione del cambiamento

KABUL-ADISTA. «Negli ultimi tempi ci sono stati alcuni segnali positivi: a metà febbraio i talebani hanno dichiarato di essere pronti ad avviare negoziati con gli Stati Uniti; alla fine dello stesso mese, Ashraf Ghani, presidente dell’Afghanistan, ha fatto una proposta di accordo di pace con i talebani. Evidentemente, entrambe le parti sanno di non poter prevalere; così si stanno rendendo conto che è arrivato il momento di raggiungere un accordo».

Lo dice all’agenzia Fides p. Giovanni Scalese, missionario barnabita, titolare della Missio sui iuris dell’Afghanistan. Malgrado l’ultimo periodo «non sia stato certamente dei migliori» (assalto all'Intercontinental Hotel di Kabul, attacco alla sede di ‘Save the Children’ di Jalalabad, attentato all'ambulanza nella Capitale), si registrano dunque «piccoli passi verso una ricerca di dialogo».

Fra questi, la Conferenza internazionale ad alto livello, il 26 e 27 marzo 2018, dedicata all’Afghanistan, che si svolgerà a Tashkent, Uzbekistan, sul tema “Processo di pace, cooperazione nel campo della sicurezza e dell’interazione regionale”. L’iniziativa è stata presa dal presidente uzbeko Shavkat Mirziyoyev e da quello afgano Ashraf Ghani.

Grande è la speranza di p. Scalese, che valuta le potenzialità inesplorate dell’Afghanistan (e che chissà potrebbero essere impostate alla Conferenza internazionale) «Solo con la pace – ha detto – è possibile approfittare di alcune grandi opportunità, come lo sfruttamento delle risorse naturali, che potrebbero essere più redditizie del business criminale dell'oppio: forse l'interesse economico potrebbe riuscire dove armi, politica e diplomazia hanno fallito».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.