Nessun articolo nel carrello

«Il razzismo è eresia teologica». Il Manifesto per l'accoglienza degli evangelici italiani

«Il razzismo è eresia teologica». Il Manifesto per l'accoglienza degli evangelici italiani

ROMA-ADISTA. «Ogni forma di razzismo è un’eresia teologica». Lo afferma il Consiglio  della Federazione delle Chiese evangeliche in Italia (Fcei) che, l'8 agosto, approva un documento per denunciare ed opporsi al clima e alla cultura xenofobe che si stanno diffondendo in Italia nella ultime settimane.

«Da mesi ascoltiamo parole violente e cariche di rancore nei confronti degli immigrati, che nel cuore dell'estate sono state seguite da gesti xenofobi e razzisti verso italiani con la pelle nera, richiedenti asilo, rom», spiega il pastore Luca Maria Negro, presidente della Fcei. «Come cristiani evangelici riteniamo che il limite della tollerabilità di questo linguaggio e di questi atteggiamenti sia stato ampiamente superato e per questo abbiamo deciso di lanciare il messaggio chiaro e forte che noi non ci stiamo. Anche se oggi è impopolare, affermiamo che noi evangelici siamo per l'accoglienza degli immigrati e dei rifugiati, per la tutela delle vite di chi fugge da guerre e persecuzioni attraversando il Mediterraneo, per l'integrazione».

Lo strumento è un “Manifesto per l’accoglienza”, da affiggere sui portoni di tutte le chiese evangeliche in Italia, che prende le mosse da sei passi biblici, attualizzati alla cronaca:

«“In quanto lo avete fatto a uno di questi miei minimi fratelli, l'avete fatto a me” (Mt 25,40). Dio si avvicina a noi come straniero: respingendo chi chiede il nostro aiuto chiudiamo la porta a Gesù che ci cerca e tende la sua mano.

“Fui straniero e mi accoglieste” (Mt 25,35). Annunciamo che la fede in Cristo ci impegna all’accoglienza nei confronti del prossimo che bussa alla nostra porta in cerca di aiuto, protezione e cure.

“Nel giorno che Dio creò l'uomo, lo fece a somiglianza di Dio” (Gen 5,1). Affermiamo che ogni uomo, ogni donna, ogni bambino e ogni bambina sono creature di Dio, a sua immagine e somiglianza, e che pertanto non si possa discriminare nessuno a causa della sua pelle, della sua religione, della sua identità di genere. Ogni forma di razzismo è per noi un’eresia teologica.

“Maledetto chi calpesta il diritto dello straniero” (Deut 27,19). Siamo chiamati a difendere la vita, la dignità e i diritti di migranti, richiedenti asilo, rom, minoranze etniche e religiose e di quanti sono perseguitati ed emarginati.

“Non c'è qui né giudeo né greco (...) perché voi tutti siete uno in Cristo Gesù” (Gal 3,28). L’Evangelo di Cristo abbatte le differenze etniche e ci chiama a essere una Chiesa aperta all’incontro e allo scambio, in cui italiani e immigrati vivono insieme la fede cristiana.

“Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico, e s'imbatté nei briganti che lo spogliarono, lo ferirono e poi se ne andarono, lasciandolo mezzo morto (...) un samaritano (...) vedendolo, ne ebbe pietà; avvicinatosi, fasciò le sue piaghe versandovi sopra olio e vino, poi lo mise sulla propria cavalcatura, lo

condusse a una locanda e si prese cura di lui” (Lca 10,30.33-34). Apprezziamo e sosteniamo chi salva le vite dei migranti vittime dei traffici illegali e garantisce il soccorso umanitario nel Mediterraneo come sui passi alpini».

Quindi, affermano gli evangelici italiani, «respingiamo la falsa contrapposizione tra accoglienza degli immigrati e bisogni degli italiani, perché un Paese tra i più ricchi al mondo ha le risorse per garantire l’una e gli altri e perché sappiamo che, col tempo, anche i nuovi immigrati costituiscono una risorsa per un paese come l’Italia ad alto declino demografico. Siamo impegnati a garantire corridoi umanitari a favore dei richiedenti asilo in modo che possano arrivare in Europa in sicurezza e legalmente; lo facciamo ecumenicamente (all’iniziativa partecipa anche la Comunità di Sant’Egidio, n.d.r.) e nel rispetto delle normative europee. Crediamo nella necessità dell’integrazione degli immigrati in una società accogliente, capace di promuovere l’incontro e lo scambio interculturale nel quadro dei principi della Costituzione. Ci opponiamo alle politiche italiane ed europee di chiusura delle frontiere, di respingimento e di riduzione delle garanzie di protezione internazionale dei richiedenti asilo, tanto più quando fonti istituzionali delle Nazioni unite attestano sistematiche violazioni dei diritti umani nei Paesi di partenza e di transito. A tutti, ma ancor di più a chi ha responsabilità istituzionali, chiediamo di adottare un linguaggio rispettoso della dignità dei migranti e di contrastare con gesti e azioni concrete atteggiamenti xenofobi e razzisti. Denunciamo e critichiamo la campagna politica contro gli immigrati e i richiedenti asilo che, a fronte di arrivi in diminuzione e perfettamente sostenibili in un quadro di solidarietà europea, esaspera e drammatizza il dibattito pubblico. Ci appelliamo alle Chiese sorelle dell’Europa – concludono gli evangelici italiani – perché accolgano quote di richiedenti asilo e spingano i loro governi a promuovere politiche di condivisione dei flussi migratori in un quadro di solidarietà e responsabilità condivise».

 

* operatore di FCEI-Mediterranean Hope

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.