Nessun articolo nel carrello

Tutti i NO al disegno di legge Pillon: il 10 novembre grande mobilitazione delle donne

Tutti i NO al disegno di legge Pillon: il 10 novembre grande mobilitazione delle donne

«NO alla mediazione obbligatoria e a pagamento  -  NO all’imposizione di tempi paritari e alla doppia domiciliazione/residenza dei minori  -  NO al mantenimento diretto  -  NO al piano genitoriale  -  NO all’introduzione del concetto di alienazione parentale»

Sono questi i 5 NO che verranno ribaditi nelle piazze il 10 novembre in una mobilitazione contro il Disegno di legge Pillon su separazione e affido (ddl n. 735 con in oggetto “Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità“). Il movimento delle donne, l’associazionismo democratico, tante realtà della società civile, uomini e donne si sono subito espressi contro la proposta legislativa di Simone Pillon con oltre 95.000 sottoscrizioni alla petizione che ne chiede il ritiro lanciata su Change.org da D.i.Re, Donne in rete contro la violenza.

Se verranno approvati, il Disegno di legge Pillon (v. il "ddl definitivo" qui) e gli altri 3 disegni di legge sulla stessa materia attualmente in discussione al Senato, spiega il manifesto che invita a partecipare alla mobilitazione, «di fatto si vieta il divorzio a chi è meno ricco perché le le separazioni saranno fortemente disincentivate dagli alti costi imposti dalla mediazione obbligatoria e a pagamento. I figli e le figlie diventeranno ostaggi di un costante negoziato sotto tutela per far funzionare il mantenimento diretto a piè di lista e il piano genitoriale con doppio domicilio». E le donne «rischiano di restare stritolate in un percorso pensato soprattutto per imporre e arricchire una nuova figura professionale, quella del mediatore familiare, anche disconoscendo la pervasiva violenza maschile che è causa di tante separazioni». 

La mobilitazione vede unite D.i.Re Donne in rete contro la violenza – la rete nazionale dei centri antiviolenza, UDI (Unione donne italiane), Fondazione Pangea, Associazione nazionale volontarie, Telefono Rosa, Maschile Plurale, CGIL, CAM (Centro di ascolto uomini maltrattanti), UIL, Casa Internazionale delle donne, Rebel Network, il movimento Non una di meno, CISMAI (Coordinamento italiano servizi maltrattamento all’infanzia), ARCI e Arcidonna nazionale, Rete Relive, Educare alle Differenze, BeFree, Rete Relive, Fondazione Federico nel Cuore, il Movimento per l’Infanzia, Le Nove, Terre des hommes, Associazione Manden, CNCA (Coordinamento nazionale comunità d’accoglienza), Rete per la parità, Associazione Parte Civile, DonnaChiamaDonna e tante altre realtà.

La mobilitazione si svolgerà con presidi e interventi pubblici in molte città (finora una ventina). E non ovunque sarà "limitata" alla giornata del 10. A Grosseto, per esempio, l'8 novembre è dedicato all'informazione sul ddl Pillon, con l'auito di avvocatesse e rappresentanti del Centro Antiviolnza Olympia de Gouges. "Punto" informativo che proseguirà il 10 in piazza Baccarini, corredato da apericena e proiezione del film "L'affido" di Xavier Legrand (entrambi nella Sala Friuli, p.za San Francesco). Il 9 novembre, presso la Libreria delle Ragazze (via Pergolesi 3/a), presentazione del libro La mia parola contro la sua, presente l'autrice Paola Di Nicola.

 

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.