Nessun articolo nel carrello

L'Occidente e quel «delirio» militarista che ha già fatto troppi danni...

L'Occidente e quel «delirio» militarista che ha già fatto troppi danni...

Nonostante quello che si continua ostinatamente a pensare «nei circoli occidentali», l’unica risposta possibile alla guerra in corso in Ucraina, «non è militare, ma solo politica»: ne è convinto Giulio Marcon (portavoce e tra i fondatori della campagna Sbilanciamoci!, già deputato indipendente per Sinistra ecologia e libertà), autore di un editoriale pubblicato il 4 maggio sul sito della campagna.

Bisognerebbe in primo luogo intensificare l’azione diplomatica per giungere rapidamente a un accordo di compromesso sul cessate il fuoco, spiega Marcon. E invece, aggiunge, «all’intensificazione criminale della aggressione di Putin ha corrisposto un demenziale atteggiamento dei Paesi occidentali e della NATO, tutto rivolto a conseguire la “vittoria militare” sull’aggressore». Inoltre, «l’invio delle armi invece non accelera la fine della guerra, ma la prolunga, rischia di estenderla e di renderla più feroce».

È necessario dunque invertire la prospettiva dell’azione internazionale, propone il portavoce di Sbilanciamoci!: «Non si tratta di vincere la guerra, ma di vincere la pace». L’esempio proposto da Marcon è Cipro e la Bosnia, usciti divisi dai conflitti, con accordi non totalmente soddisfacenti ma che almeno hanno messo fine alla carneficina. «Meglio una pace ingiusta (gli accordi di pace non sono mai giusti, purtroppo) che una guerra classificata come giusta, ma che è solo un crimine, un massacro di povera gente», conclude il portavoce di Sbilanciamoci! che, in chiusura di editoriale, invita a evitare «la retorica e il delirio (militarista) di chi vorrebbe continuare la guerra sulla pelle degli altri». Una storia purtroppo nota e costellata dai gravi errori dell’Occidente che ha spesso alimentato divisioni e guerre, «impedendo che si costruissero con il multilateralismo le condizioni di assetti delle relazioni internazionali fondati sulla sicurezza condivisa». «Evitiamo l’ennesimo errore, che potrebbe essere fatale. La strada – difficile e impervia – è quella della ricerca del negoziato e di una soluzione politica. Quella militare, invece, ci porta verso il baratro».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.