Nessun articolo nel carrello

"Natura chiama Europa": l'iniziativa del WWF per le elezioni europee

«La finestra temporale utile a limitare gli impatti della crisi climatica si sta rapidamente chiudendo, mentre la crisi della biodiversità avanza rapidamente, minacciando habitat e risorse utili alla sopravvivenza di tutti gli esseri viventi. Gli effetti di tutto questo sono ormai sotto gli occhi di tutti e sono evidenti le responsabilità di una classe politica che in questi anni ha accumulato colpevoli ritardi rimandando decisioni ineludibili».

È il contesto climatico che, secondo il WWF, deve guidare i cittadini nella scelta dei deputati europei nelle elezioni che si terranno l’8 e il 9 di giugno 2024. L’esito di questo appuntamento elettorale sarà momento cruciale, sottolinea l'assoicazione amibnetalista, per delineare le sorti del Green Deal europeo e con esso il destino delle attuali generazioni, in particolare le più giovani, che attendono e richiedono da tempo un cambio di paradigma nelle politiche ambientali, perché vengano poste le basi per una convivenza uomo-natura più equilibrata.

Il WWF chiede allora alle istituzioni europee di confermare e rafforzare le soluzioni comuni per affrontare la crisi climatica e di perdita di biodiversità, per rispettare il diritto di tutti i cittadini a un futuro più sicuro ed equo, riportando la natura al centro dei nostri valori condivisi.

È a questo fine che il WWF lancia l’Osservatorio “Natura chiama Europa”, grazie al quale in questi mesi promuoverà attività di analisi, mobilitazione e comunicazione, per tracciare un primo bilancio sulle politiche del Green Deal e mettere a confronto le proposte programmatiche dei partiti italiani e dei candidati su ambiente e clima per la prossima legislatura europea. L’obiettivo è anche quello di informare i cittadini su come i partiti presenti al Parlamento Europeo hanno votato nella legislatura che si avvia al termine sui provvedimenti legati alla tutela dell’ambiente e della salute.

All’interno dell’Osservatorio, spiega il WWF, il primo passo è la pubblicazione del Manifesto “Mettere le Persone e la Natura al centro delle nostre politiche”  e delle 10 richieste per le Elezioni europee su natura, biodiversità, clima, energia, agricoltura, finanza sostenibile.

Con il Manifesto e le 10 richieste, il WWF chiede ai partiti, ai candidati e ai cittadini di impegnarsi a raggiungere tre traguardi prioritari per il futuro del pianeta:

  • Porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili
  • Dare priorità alla Natura per garantire sicurezza e resilienza
  • Non lasciare indietro nessuno nella transizione ecologica

In vista dell’appuntamento elettorale dell’8-9 giugno, il WWF Italia ha già avviato momenti di condivisione di queste richieste con i partiti italiani, dando piena disponibilità ad approfondire un confronto costruttivo sulle principali sfide programmatiche della prossima legislatura europea.

*Foto tratta da Pixabay, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.