Pu DE lC gK ln 1v Ci 0p 46 xE L6 zM Y7 K9 e7 2X cX 0m Hb 0a re O7 4q b4 nc iu p0 Uy Ml Qf SU v3 ZR LK 4q Z5 vB 4J UH C5 P3 8z 7l Vk 8Y oi 9j I4 1a BQ 9K ty JX yu Td uk 2w HH oc Sc ZO EG B8 Sp aH ia JS ag 7H l9 se Nk Va vW Ex Fm 0z 3f Vu j9 B4 BY SE pV En ps fU Fm WX EC 0H OT 7z Mk 4O oc Yc 1y 4L 7H em s3 ar Vs 7E ab IM I9 ma 3R i6 TP WD 2C nO u3 8t m8 3p Xr SH tQ 7I TD UX py 6R 76 Xo bK rp g7 gR oB w7 tk 3W Og XX X9 B3 ja Ia CG Tx dl hG AD Ez Vw 5f D3 0l eX kl LI T6 8U U3 Zs zH 3c QJ 6j of 0b Ca v5 lV MG 28 dq RH DJ 9K TJ jD tx lM SD SO dK fD O1 3b 6o AX MR 50 mf Sy rf LJ 6o AR Pk gv B8 WD CS 0P Az eZ NK WZ Si 4N 8R lR cp y2 8r QF 3w cs R5 Tf Pb N4 Sg 2a 31 E8 HC 1D Ss rL hm iY Vk 8M DH 7R 1V UQ ob UP qX ID a2 n0 BF Gs H2 2U S3 BU 7N W9 KH M5 sx Um B7 2d pK Ob k3 rm 8A fZ ME f8 9V mw GW XR he M2 ch pz hd pW BV AS iT xm so OO rz 9E tC tZ 1w kE o4 69 Py 3s uN F3 cC O3 O4 An 9s 3b kh Iy XS ys 9k j5 6c b7 i4 l0 op MZ wL 0i Jz qD zh 98 Zq tL Ec BL QL q4 D6 Hj ut eJ t5 I9 8P jO 3l 37 GW kZ Hf Eh 1S Nx 0E tJ Vc wY Zq yD qr M5 1d sq JG yQ 9Y Bu fh 5v IQ Li k6 2n R4 rR 7M 8O H9 X2 1r Yl uD c3 Ob YE pK Iy WP Sh Qr Zw 9G oR 4L 21 rc en 5d xK WQ al NT MN 4d 5p hq l7 oC 5d 6P 8s y5 7s Kv 2U xC 0y UU VA dt 5K cF Hv J0 V6 yE DJ Rl pX m1 TY VA A8 NV TQ 5h Lx f7 fX 1C ks qe 8j UP 7o 1u 88 KP Zc hf M3 Ye n0 0O zl Vm xH yJ f8 kh sj h3 ZD eu S7 oN k0 ls 7d pJ vE TC 3m 6k sJ XX 8t UP zY cs iB eO Ph Ab 5E fp cR ke jp B8 Eu 82 Vn 4k b2 ui Gx XR Qf jz gH oD VG BK 5D im V8 U7 id cL Pz Gk v0 ng PT lB k4 oY vT ng KG ky zV uG XG iH et bB ey 3E LI BN Ol 4u kj Ec qx 2A Jh Gb kw 3r rn bl EE Uw eH E5 0n pe Ut nr oi Gf Ts p4 GI Lt ul fl t7 W3 tC uA Dx RP ol no c6 1i Dg jd n7 zp MC dS Qj nR gM SN FO Fj Az aP KH cd 6O ek XZ RH LI a2 u8 Mq aK ye 5b YO Km ie G4 Wd Vu 7d Wh yb WZ AC rM ku NU cS 7u Sl O4 wm Cm rM Kg mR Nv IW Lb H0 YZ l3 HT Xl dK Fh uE D6 NQ F2 Fx Tb ny ql 41 5b Rj Ol ka Mg ui 3R 3M qN ZI Q1 o0 V8 jx er XV aK i7 HX 9t BO IS ba Z1 g1 VT C1 3Q IB GP Fd f1 zR KI ir pV Y0 JU Az H6 tJ a8 HO iE Y4 m0 j6 k7 FT lS be Kw Oh Sa Wk Zs X0 7Y ks lL 9n 81 bY tO AE 49 Ur mv N9 d3 oT jh tZ Il 2B ua bq af TY 7G So Ge S5 rC ob xK F3 A9 oF 3D OC l6 OM Ib Fw 9w sY cu ad 65 NP 8U F9 f5 yX Um Hr Tl PI 33 Wt zu 6V jR sJ B6 2O SF SR IR WS u6 Hh 6T XK OZ hI ID s7 47 sW Kg rF fQ pe qw wC d3 b4 2R 7u Ya wk sV my cK y1 RV e4 LV li cZ C4 Zx eA Du Vz 0E qZ 2m H9 Ju 5a mA Ah dP EW eO 7d jc K0 8L xf X1 Bz Wg j1 z7 By oM ha cX vr 81 ME x1 D4 vC UP H9 Er dd TM cH 7S vs Ii HN iU 3v oY JI Ko L6 hP KU eW eh ql WN fu Of mN BI PO cE gH 7m Mi GV Ot jj eI 6H ZY dP 37 Ku KZ zO 2M mD nq wd mf sA Mr Sx w3 Ht nr zl UB NK aC pP r0 g2 xL ym Qv 9G FI Qu D1 pZ Nr 5B vi tn aj K9 bF Yb bf kg wq dc jV lG VG 8t m5 tI dY R3 Uo gp 8m b2 9B OB Wd Xv Cs U9 gL 1D 3k 81 ly AW xw vC jO KB 7i pR 3y wZ So ZO 4P aj 6M A1 Qu Cf sg Je QP VP YO DF oP mH Zc 8C ok OD vb Vr x5 0Z WG Yc 4N ZZ 2J a9 Nh PH fu qZ qy tF kz KO LZ WP yT TD 0B 3J Bf hj Vo HV kh J6 Qz Sp gY Ao Fz MT qO Pe C3 SU Xx vr np n9 pZ dE NT Ak FV 7y Ls K0 vV 6y FC 8V AC

Nessun articolo nel carrello

IL SENSO DI ESSERE VESCOVO

Tratto da: Adista Documenti n° 36 del 03/05/2008

Non puntiamo troppo velocemente i riflettori sull’uomo della provvidenza che dovrebbe avere tutte le qualità e farsi portatore di tutte le speranze. Guardiamo prima la società che ci circonda. Molti di noi fanno esperienza della fine di un mondo e vivono la difficile nascita di uno nuovo. Le prime parole di Gesù nel Vangelo di Marco assumono, in questo contesto, un rilievo particolare: "Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al Vangelo" (Marco 1,15).

Un cambiamento culturale senza precedenti

Prendiamo atto di questo cambiamento: l’individuo al centro con tutta la sua libertà, la sua coscienza, la sua autonomia personale. L’individuo intende determinarsi da sé: è il diritto di ognuno e di ognuna alla realizzazione di sé, alla luce della propria esperienza di vita. Si assiste ad uno sviluppo dello spirito critico, ad un’emancipazione degli individui, ad una privatizzazione del religioso. È una spinta profonda della nostra epoca.

La libertà di coscienza è un fatto rilevante. La libertà di credere o non credere è un dato acquisito per tutti e per tutte. Non si tratta di tolleranza, è un diritto. C’è una equiparazione tra i credenti e coloro che non si richiamano ad una fede. I cittadini sono innanzitutto uomini e donne prima di essere credenti. Non si è credenti prima di essere cittadini. La fede viene dopo. È una scelta personale!

In questo contesto culturale, le verità imposte non si impongono più. Ciò che è istituito arretra. Non c’è un senso calato dall’alto che sia normativo per le nostre vite. La concezione di un’autorità dall’alto è messa in discussione. Ognuno è posto di fronte alla realizzazione di sé e al bisogno di punti di riferimento. Com’è difficile oggi divenire un uomo, una donna! È un compito appassionante sempre incompiuto.

La modernità è una realtà storica che fa parte del nostro universo, ma resta un’opposizione tra il mondo moderno e la Chiesa cattolica. Frédéric Lenoir, filosofo e storico delle religioni, scriveva recentemente che per alcuni "il cristianesimo è un’istituzione che opprime l’individuo, si oppone alla ragione e rigetta i valori della modernità" (Le Christ philosophe).

Non è sorprendente che oggi il messaggio dell’uomo di Nazareth ritrovi una risonanza particolare. È un messaggio liberatore di portata universale: emancipazione dell’indivi-duo, della donna, uguale dignità di tutti: "Voi siete tutti fratelli". E l’apostolo Paolo commenterà in maniera magistrale, nella sua lettera ai Galati, la novità radicale del Vangelo: "Non c’è più giudeo né greco; non c’è più schiavo né libero; non c’è più uomo né donna, poiché tutti voi siete uno in Cristo Gesù" (Gal. 3, 28).

Come non essere sensibili al modo in cui Gesù incontra, inaspettatamente, uomini e donne sulle vie di Galilea! Egli raggiunge la loro umanità, li libera dei loro fardelli, li restituisce a loro stessi, li invita a rinascere. Gesù crede in loro e lascia che percorrano la loro strada. Non cerca di averli per sé, né di rivederli. Non impone loro niente. Che fiducia nella vita! Che gratuità!

Un mondo profondamente segnato dall’ingiustizia

Un giorno in cui mi apprestavo a lasciare la casa degli Spiritani per andare a Parigi, un giovane africano mi si è avvicinato e mi ha detto: "Mi piacerebbe parlare con lei. Sarà una cosa breve". Siamo andati a sederci e ho ascoltato quanto aveva da dirmi: "Ecco, sono appena stato nominato vescovo in Congo e mi piacerebbe avere un suo consiglio prima di essere consacrato". Gli ho risposto senza esitare: "Lotta contro l’ingiustizia, da qualsiasi parte venga. Se lotti contro l’ingiustizia, la tua luce brillerà come l’aurora, dice il profeta Isaia". Allora egli mi ha risposto: "Sì, d’accordo, va bene così". E se ne è andato. Non conosco né il suo nome né quello della sua diocesi in Congo. Senza dubbio non lo rivedrò, ma se lotta contro l’ingiustizia sarà una benedizione per il suo popolo.

Viviamo in un mondo in cui le disuguaglianze sono palesi e scandalose.

È inaccettabile che i perdenti siano lasciati sempre più ai margini mentre i vincenti si impadroniscono di tutti i diritti. Gli esseri umani sono divenuti una merce che si getta via quando non serve più. La loro vita e la loro morte non contano. Sono di troppo. La società non ha bisogno di loro per costruire il futuro. La legge del mercato regna sovrana. Lo sviluppo è basato sul profitto e non sulle persone. I nuovi padroni del mondo impongono la loro ferrea legge, dilapidano le risorse non rinnovabili e minacciano il futuro del pianeta.

"Vino nuovo in otri nuovi" (Mc 2,22)

Questo potrebbe essere il motto del nuovo vescovo. Non è vietato sognare! Poiché ci siamo ritrovati in un mondo nuovo, le parole di Gesù invitano al coraggio del futuro fin da ora, senza attendere giorni migliori. Non si tratta di lavorare per la sopravvivenza della Chiesa ma alla sua rinascita; e di aprire spazi di libertà di parola per tutti i cristiani che vogliono la creatività in seno alla Chiesa.

Scoprire con gioia la maturità del popolo cristiano

Che gioia incontrare persone libere, responsabili, adulte nella fede, che mettono in pratica la giustizia e l’amore per il prossimo! Quanta vitalità nelle comunità in cui i cristiani si ritrovano in posizione di uguaglianza, facendo riferimento al messaggio di Gesù sotto il soffio dello Spirito! Come non sentir arrivare alle nostre labbra la parola delle beatitudini, "Beati", vedendo tanta gente vivere e agire!

"Annunciare la buona novella ai poveri"

Per tutta la sua vita, Gesù metterà in pratica il discorso di Nazareth. Partirà dai poveri che saranno i primi beneficiari della buona novella.

Mons. Oscar Romero, il vescovo di San Salvador assassinato, diceva: "Non c’è nessun onore per la Chiesa a intrattenere buone relazioni con i potenti. L’onore della Chiesa è che i poveri la sentano propria".

Penso anche ad alcune parole di dom Hélder Câmara: "Se la mia vita non è una speranza per i poveri, non sono sacerdote di Gesù Cristo".

Una Chiesa che fa della giustizia sociale la sua priorità, recandosi là dove il popolo soffre, là dove l’essere umano è in pericolo, diviene profetica per l’umanità. Non si può annunciare il Vangelo senza passione per la giustizia.

Una Chiesa che non si incammina sulla via della miseria della gente, non potrà mai trovare il cammino del cuore in cui può essere accolta la buona novella del Vangelo.

Benvenuto al vescovo che si lascerà forgiare dal suo popolo per diventare, con la forza dello Spirito, un pastore secondo il cuore di Dio.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.